Med-Or, the Leonardo’s foundation behind the Italian hidden diplomacy

#InEnglish

Med-Or, the Leonardo’s foundation behind the Italian hidden diplomacy

December 29, 2021

Lorenzo Bagnoli
Riccardo Coluccini

Defence, surveillance, intelligence, borders. Four keywords connecting the most important Italian company in the defence sector, Leonardo (formerly Finmeccanica), and the kingmaker of Italian politics in the field of intelligence: former Minister of the Interior Marco Minniti. A member of the Democratic Party, Minniti served as Secretary to the Prime Minister’s Office Cabinet with responsibility for intelligence services during governments led by Letta and Renzi. Marco Minniti is equally held in high esteem by the left and the right, for his deep knowledge of the universe of Italian intelligence and the structure of power of the armed forces.

It is no coincidence that the new foundation created by the Leonardo group, Med-Or, picked Minniti, now out of Parliament, as its president. Med-Or‘s mission is to expand the network of relations required to export the “Italian System” abroad and consolidate its positions. The choice of Minniti brings knowledge of the geopolitical contexts, which is vital for the sector, and a common vision shared by the diverse range of participants in the diplomatic and political network of Leonardo’s diverse universe.

Defence and relations

«The results for the first nine months are very positive.» Alessandro Profumo, CEO of Leonardo, is happy with the performance of the most important Italian defence company, which is 30% owned by the Ministry of Finance. The driver of the success is the military/government sector, which accounts for 87% of the group’s revenues.

In the Odyssey, Penelope endlessly wove a shroud to avoid having to remarry, in the hope that her husband Odysseus would return home. Hoping to remain one of the industry’s biggest players despite the pandemic, Leonardo weaves its own networh, made up of relationships with governments around the world and with Italian companies owned (and/or otherwise controlled) by Leonardo. This is the reason why the company’s military orders by foreign governments reached €9.2 billion, «a sharp growth over the first nine months of 2020,» states a November press release.

Since July 2021 a new think-tank has been weaving Leonardo’s web: the Med-Or foundation. Thanks to Med-Or, whose stated aim is to foster education, training, and cultural exchange, Minniti can continue to promote his political beliefs in another capacity. As a minister, he led proponents of increased surveillance in the Mediterranean; Border monitoring is among the main fields of interest of Minniti’s new employer, Leonardo.

Leonardo’s web: getting where institutions can’t

The letter begins with a formal tone: «Dear Sir,» (A more informal “dear Franco” was later added by pen). «The Leonardo Group – continues the letter undersigned by Chairman Marco Minniti – has recently set up a new Foundation called Med-Or, which I have the honour of chairing.» «Franco» is Franco Gabrielli, former head of Police and now undersecretary to the Presidency of the Council of Ministers. A similar letter was mailed to Luciana Lamorgese, Minniti’s successor at the Ministry of the Interior after Matteo Salvini’s short interlude, and Luigi Di Maio, the Minister of Foreign Affairs. They all participated, by invitation, in the Med-Or Day, held on July 20th, the day of the foundation’s launch.

«Since its very creation – Minniti continues -, the Foundation has pursued very ambitious objectives, and its vocation is to serve the national interest, to which, as you know, I have devoted a large part of my life.» The aim of Med-Or, a conjunction between the “Mediterranean” and the “Orient”, is to «encourage dialogue with those international players for whom Italy is a natural interlocutor» especially in the area that Minniti has repeatedly defined as the “Mediterranean quadrant”, i.e. the geopolitical area that extends from the Mediterranean to the Sahel and the Middle East. «You are certainly aware of the fact that almost all industrialised countries use this type of tool to underpin their relations, as I have been able to appreciate in my previous institutional experiences; the results are often very appreciable, and the objectives equally ambitious,» the former minister added.

Med-Or is a sort of “clearing house” for formal and institutional meetings, an incubator of relations available not only to Leonardo but also for the whole shaky Italian industrial apparatus. «Is there an Italian system?», the former minister asked in an interview with Libero in September 2020. The rhetorical question followed a reflection on Italian deeds in Libya, where Italy runs a hospital in Misrata, but the port is controlled by Turkey. The subtext was that Italy is unable to consolidate its leading positions and to assert its presence in multiple sectors by acting as a single entity.

Leonardo’s aim is to reach where institutions can’t. «Leonardo’s top management considers this initiative with particular interest, not only due to its contribution to the Group’s international relations, which will favour its strategic positioning but also because Med-Or aims to represent a heritage available to Italian institutions and to protect its values,» Minniti wrote in his invitation letter to Med-Or Day.

The foundation is supported by Leonardo – as its sole sponsor – with a Core Fund of € 120,000 and an additional donation amounting to approximately € 500,000 «to finance the initiatives currently underway (scholarships, higher education, internships, etc.)», Leonardo explains in a note to IrpiMedia.

«Foundations with similar characteristics to Med-Or are common mainly in English-speaking countries and in France. There are many examples,» the company continues, without, however, providing any specific names. «The vocation of a foundation like Med-Or is to have an open dialogue with Mediterranean countries, based on cultural exchanges,» it adds. The Med-Or strategic committee includes envoys from the Ministry of Foreign Affairs, the Ministry of the Interior, Economic Development, Defence and Finance; the Presidency of the Council of Ministers and the Federation of Italian Companies for Aerospace, Defence and Security (AIAD), a sector association of companies led by former MP and founder of Fratelli d’Italia, Guido Crosetto. Med-Or is not a state agency, but it looks like one. It is the flagship of diplomatic relations outside the Ministry of Foreign Affairs’ building: a network made of friendships, industrial relations, and cultural exchange projects.

«The fact that the Foundation has only one sponsor is not very common in think-tanks», Mattia Diletti, professor at La Sapienza University in Rome and author of I think tank (Farsi un idea) (Think-Thanks: a general overview), published by Il Mulino, told IrpiMedia. «In Med-Or, the network dimension is very actively supported. In political science, we talk about gatekeepers or policy entrepreneurs, i.e. people who drive other networks of stakeholders: when Minniti acts, he doesn’t just represent himself», Diletti added.

Politics, Business, and Journalism in the Med-Or Foundation

Marco Minniti: Chairman – Former Minister of the Interior in the Gentiloni Government, former Democratic Party MP. He was the promoter of policies aimed at containing migratory flows from Libya.

Alessandro Ruben: Board member: A lawyer, former MP close to Gianfranco Fini, former advisor to Ignazio La Russa when the latter was Minister of Defence in the Berlusconi government, he enjoys an excellent international reputation. He has friendly relations with Joe Biden and Nancy Pelosi. He was an advisor to Cassa Depositi e Prestiti until 2021. Together with the chairman of Elettronica, Enzo Benigni, he is a member of the Guido Carli Foundation, which represents some of the most influential voices in Confindustria.

Germano Dottori: Board member – Academic, scientific advisor to Limes, between 2018 and 2019 he was an advisor to the then president of Copasir and under-secretary of Defence Raffaele Volpi (Lega). He is the author of La visione di Trump (The Vision of Trump), a book where the election of the former American president is not described as an accident of history, but as the result of the consequences of the Cold War.

Paolo Bigi: Board member – Since 2021, he has been the CEO of Saudi engineering and construction group Arkad, an industry giant that closed some plants in Liguria in 2018, following a group reorganisation. From 2017 to 2020, he was manager of the Saudi Binladin Group (SBG), the engineering company founded by Osama Bin Laden’s father and still controlled by the Saudi terrorist’s family.

The board of directors also includes journalist Pietrangelo Buttafuoco, a contributor to several national newspapers and director of the Leonardo Foundation’s own newspaper. Among the authors of Med-Or’s articles and analyses are the deputy editor of Foglio Alessandro Giuli and Francesco Cossiga’s daughter, Anna Maria. The site that has most closely followed the launch of Med-Or is Formiche.net, founded and edited by Paolo Messa, who, from 2018 to 2020, was the head of the organisational unit “Institutional Relations – Italy”, of the Leonardo Group. The Formiche group also publishes the specialist magazine Aviopress.

Minniti at Med-Or: intelligence, Niger, Libya and the friends from the Gulf

The first think-tank co-founded by Marco Minniti was ICSA, Intelligence Culture and Strategic Analysis, between 2009 and 2013, the year when he left office to become under-secretary of the Prime Minister’s Office (Prime Minister Enrico Letta) in charge of intelligence services. ICSA, which today is led by retired army general Leonardo Tricarico, deals with education and training in the field of intelligence; its first chairman was Francesco Cossiga, a former President of the Republic with a passion for intelligence services. Among all the foundations run as a “one-man company”, ICSA has been different since the very beginning, a collector of relations and skills in the specific field of defence and security.

Shadows on foundations: between caviar diplomacy and interference by foreign powers

It was 2014 when the New York Times headlined Foreign powers buy their own ability to exert influence on think-tanks. An investigative report by the outlet «has found that more than a dozen major Washington research groups have received tens of millions of dollars from foreign governments in recent years while pressuring U.S. government public officials to adopt policies that often reflect the donors’ priorities. Money is increasingly transforming the former industry of think-tanks into a lobbying arm of foreign governments to exert pressure on Washington.»

Between 2014 and 2016 Azerbaijan allegedly paid a series of MEPs to influence their decisions on the sanctions to be imposed (or not imposed) to the regime of the Aliyev’s family. The payments were also channelled through foundations and lobby groups. In Italy this was established by the Court of Milan in the first instance sentence against former MEP Luca Volontè and his Novae Terrae Foundation. Ongoing investigations also concern important politicians from various parties in Germany who are part of consultancy groups, lobby organisations, and, in some cases, foundations.

It is the long wave of the so-called “caviar diplomacy”, the strategy implemented by the dictatorship in Baku to buy the favourable votes of some MEPs in around 2010. The cash-for-votes system, dubbed the Azerbaijani laundromat, was investigated by OCCRP. The findings also led to the introduction of the Register of People with Significant Control in Scotland, the freezing of several bank accounts linked to the laundromat in the UK. The Baltic and Russian branches of Danske Bank were closed down in 2019 after money-laundering investigations uncovered suspicious transactions worth approximately 3 billion dollars.

Joseph Muscat, the former Maltese Prime Minister, was forced to resign in 2020 because some members of his staff were tied to suspects of the murder of Daphne Caruana Galizia. As reported by The Shift, after leaving government Muscat joined a think-tank funded by the Azerbaijani government, the Nizami Ganjavi International Center. The case raised significant criticism, alongside that of former Italian Prime Minister Matteo Renzi and his relations with Saudi Arabia. Matteo Renzi’s foundation, Open, is now under investigation on charges of being used for alleged illicit funding.

The experience at the Ministry of the Interior contributed to corroborate Minniti’s reputation in geopolitical matters, and especially in Libya. Minniti has been a leading proponent of the outsourcing of border policing. The controversial policy was implemented in 2015, through the training of border guards and the handover or sale – depending on individual agreements – of surveillance technology to transit countries on the main migration routes to Europe. As Minister of the Interior, in February 2017 Minniti signed a Memorandum of Understanding with the government in Tripoli to fund the Libyan Coast Guard. Minniti also promoted the largely contested NGO code of conduct, which granted police officers rights to board NGO ships to gather intelligence. Ultimately, Minniti brokered a peace agreement between 72 tribes in Fezzan, Libya’s southern region, hoping to pacify Libya. Minniti said his goal was to create «a Libyan border patrol to guard 5,000 kilometres of Libya’s southern borders.»

On that border, the surveillance system was operated by Selex, which was then part of the Finmeccanica group (now Leonardo). «Our company manufactures the sensors for border monitoring but we know perfectly well that without the desert tribes those borders can’t be monitored. This is because the human factor is indispensable since no technology can completely cancel out the importance of the human factor»: these were Minniti’s words on October 29th, the day on which Leonardo, through Med-Or, donated 50 respirators to Niger to help the country deal with the Covid-19 pandemic. «We know that a decisive challenge for the overall security of the Mediterranean and the entire planet is being played out in the Sahel. The Sahel is crossed by tensions and instability: however, in what we have called “Europe’s Southern border” – a definition that arose scandal when we first used it and has now become commonplace – a crucial game is being played for Europe’s security, for the fight against terrorism and the issue of migratory flows», the chairman of Med-Or commented.

On the occasion of the launch of Med-Or, the Vice-President of Libya, Abdullah al Lafi, sent a warm message of good wishes «to our friend Marco». Interviewed in April 2021 by Repubblica, al Lafi said: «The most important thing for us is to provide support in ensuring the security of the Mediterranean, and in stopping illegal immigration». With this in mind, the country is discussing the purchase of helicopters to patrol the sea area in which rescue operations are under the responsibility of Libya, as well as the creation of a helicopter assembly centre on site.

The launch of Med-Or was also attended by Dimitris Avramopoulos, the former European Commissioner for Migration when Minniti was Minister of the Interior. Another attendee was Mohamed Abdirizak, Somalia’s foreign minister, but also a businessman and former coordinator of Mossad operations on prisoners of war and victims of armed action under Benjamin Netanyahu’s first government David Meidan (who said he was «honoured to be part of the Med-Or Leonardo initiative» and thanked Minniti for the trust).

From left to right: Luciano Carta, Marco Minniti and Alessandro Profumo at Med-Or launch day on July 20, 2021 | Foto: med-or.org

These attendees were joined by three ministers of Gulf countries: Abdullatif bin Rashid Al Zayani, Minister of Foreign Affairs of Bahrain; Sheikh Mohammed bin Abdulrahman Al-Thani, Deputy Prime Minister and Minister of Foreign Affairs of Qatar; and Hamad bin Mohammed Al Sheikh, Minister of Education of Saudi Arabia.

These people all personally thanked Minniti for the invitation to take part in Med-Or. They all represent countries with whom Leonardo has consolidated relations. In Bahrain, which recognized Israel as a nation state in 2020, Leonardo operates contracts for civil and military air traffic management, the supply of ships, and the Navy’s radar tracking system. In 2021, in Qatar, Leonardo received an order for the provision of training courses for operators of the Qatar Computing Research Institute against hacker attacks, it provides ships and helicopters. In Saudi Arabia, Leonardo has historical supplies of aircraft and warships.

Leonardo and his daughters

One of Leonardo’s strengths is its wide range of stakes in the share capital of companies in the defence and security sector. Some of these connections are also established by memoranda of understanding. For example, at the beginning of November Leonardo signed an agreement with Elettronica Spa – the company that controls the protagonist of the previous episodes of #Surveillances, Cy4gate -, «aimed at consolidating and strengthening Leonardo’s core business,» as outlined by CEO Alessandro Profumo. In essence, the agreement provides for joint participation in international projects. «On the opening day, Med-Or representatives showed guests its analysis centre, based on open sources and aimed at improving the understanding of the debate and the social and cultural dynamics of the countries of interest,» Leonardo explained to IrpiMedia.

The software on the screen appears to be the same as the one produced by Cy4gate: on the screen, you can see a customised version, with the Med-Or logo, of an information dashboard identical to the dashboard of AMICO (an acronym for Advanced Multimedia Information Cockpit). The system allows access to documents and information collected online from so-called “open sources” such as social networks, public databases, or press reviews. Metro first reported on it in 2018, explaining that the product is «developed by Leonardo SpA and Rome-based Cy4gate». AMICO can interact with other software developed by Cy4gate. As outlined in a series of slides released following a meeting last October, the right-hand column of the AMICO dashboard may host documents from another product, QUIPO, described by the company as «the platform developed by Cy4gate to support intelligence analysts». Med-Or, however, «does not use QUIPO software», Leonardo replies.

Photo taken in July 2021 during Med-Or Day, a launch day for the Med-Or Foundation. On the screen, what appears to be an information dashboard similar to the one produced by the company Cy4gate is clearly visible | Photo: formiche.net

Cy4gate presents the AMICO information dashboard during the 2019 edition of the Italian Conference on Cybersecurity (ITASEC2019). The tweet from which the image is taken states that AMICO is a platform developed for data viewing, capable of collecting and analysing huge streams of data in real time | Photo: Twitter

In an interview released in July 2021 to the Telos blog, Minniti mentioned two issues related to health security when speaking of Med-Or’s interests: «The first is Health Intelligence, an area in which Leonardo has the necessary know-how. The other is Health Surveillance, that is, monitoring the progress of the pandemic». «The epidemic – Leonardo added in his answers to IrpiMedia – has highlighted how crucial the issue of managing health emergencies is. The epidemic has highlighted the difficulties of systems that do not have systems for monitoring (health surveillance) the development of the epidemiological situation. Italy can be a reference for these countries, to improve their ability to manage their own complexities». This same topic has also been the focus of Cy4gate itself, which has developed HITS, a contact tracking software.

Leonardo’s web in the history of think-tanks

Think-tanks like Med-Or are an invention of post-World War II American politics in the wake, as sociologist Mattia Diletti writes, of the «hope – almost always shattered – that knowledge, doctrine, knowledge or rationality will influence the actions of rulers and institutions». In the United States, think-tanks have many stakeholders, and scholar Robert Kent Weave has categorised them into three models: «Universities without students», i.e. training centres that make up for the shortcomings of the parties; research and development centres that live off public funding (one name for all: Rand Corporation, the largest think-tank in the world, whose budget ranges between 200 and 250 million a year and million-dollar commissions mainly from the Department of Defence) or political agora, where ideas and projects with ideological connotations are formed (partisan think-tanks). All American-style think-tanks «act in the gap between politics, industry and private stakeholders,» Diletti told IrpiMedia. «They generally rely on a multiplicity of donors, which allows them more independence.»

In Europe, these organisations are smaller. They have emerged mostly in Britain and Germany, where they are often created in the orbit of power centres where either foreign or economic policies are studied. In France, the French Institute of International Relations (IFRI), for example, is an organisation counting dozens of partners and funders, whose board includes former state councillors, academics, managers of Renault, L’Oreal and Burelle (a manufacturer of plastic products), bankers, and public officials. Their goal (on both sides of the Ocean) is to create positive interactions between important national companies, academia, and government. In other words, they «are systemic.» In Europe, «personal think-tanks» are also very successful: they act as manoeuvring spaces for political leaders who rely on their network of relations and their authoritativeness. They are often led by former politicians, such as Tony Blair or Gerhard Schröder.

Renzi: from a personal think-tank to Saudi Arabia

In Italy, people like Matteo Renzi went from a personal think-tank (Fondazione Open) to an institutional think-tank of a foreign country: in fact, although he is a senator, Renzi has decided to take part in Future Investment Initiative Institution (FIII), the think-tank of the Saudi monarchy. Saudi rulers have been accused – among other human rights violations – of having ordered the murder of Jamal Khashoggi, a journalist, and writer who was killed at the Saudi Consul’s Office on October 2nd, 2018.

According to a report issued in February 2021 by the Office of the Director of National Intelligence, the intelligence consultancy body of Washington’s government, «Saudi prince Mohammed Bin Salman approved the operation to capture or kill Saudi journalist Jamal Khashoggi.» One month after the document was issued, Renzi replied to criticism of his trips to Saudi Arabia by stating that «Bin Salman is a friend, I have known him for years. And there is no certainty that he is the instigator of Khashoggi’s murder. Which, by the way, I wish to clearly and fully condemn». Attending events on behalf of a foreign foundation does not, in itself, violate any rules of the Senate, the branch of Parliament in which Matteo Renzi was elected: it is only questionable in terms of political appropriateness.

If the same had happened with a member of the second chamber, the situation would have been different, due to a 2016 code of conduct that requires House elected officials to accept «reimbursement of travel, lodging, and living expenses» only if it occurs «in the performance of their duties».

In Italy, “one-man company” foundations, as former socialist minister Gianni De Michelis once called them, are particularly trendy. These are think-tanks created to promote personal leadership: «The Italian environment is more modest; our economy does not have big system stakeholders. Our big players are state or parastatal bodies», Mattia Diletti added, clearly referring to Eni and Leonardo.

The latter explained to IrpiMedia that it «has a duty to maintain relations with the countries in which it operates, beyond merely trade-related relationships. Med-Or, as it clearly emerges from its Statute, does not deal with Procurement. Its mission is to build a dialogue based on culture and the exchange of knowledge and skills. Throughout Med-Or, Leonardo intends to start a new partnership with an enlarged Mediterranean area». In short, weaving a web.

Among the concrete actions carried out so far, there are analyses and researches signed by journalists and academics published on the website and the opening of a partnership between the Mohammed VI University of Rabat, in Morocco, and Luiss University of Rome, through which the first three scholarships for Moroccan students have been financed.

CREDITS

Authors

Lorenzo Bagnoli
Riccarco Coluccini

In partnership with

Editing

Luca Rinaldi

Photo

Marco Minniti as Minister of Interior at a press conference in January 2016.
Photo: Simona Granati/Corbis

La tela di Leonardo: Med-Or, fondazione del “Sistema Italia”

#Sorveglianze

La tela di Leonardo: Med-Or, fondazione del “Sistema Italia”

Lorenzo Bagnoli
Riccardo Coluccini

Difesa, sorveglianza, intelligence, confini. Quattro parole chiave che uniscono le strade della più importante società italiana del settore difesa, Leonardo, la ex Finmeccanica, e del re di denari della politica sui servizi segreti del Paese, l’ex ministro dell’Interno in quota Partito democratico, e delegato ai servizi nei governi Letta e Renzi, Marco Minniti. Tanto apprezzato a sinistra quanto a destra per la sua conoscenza del mondo dell’intelligence italiana e delle catene di comando delle Forze armate e dell’ordine.

Non è un caso che la nuova fondazione del gruppo Leonardo, Med-Or, chiamata a espandere la rete di relazioni per esportare il “Sistema Italia” nel mondo e consolidarne le posizioni, trovi lo stesso Minniti, ora fuori dal Parlamento, come presidente. Una scelta che garantisce conoscenza dei contesti geopolitici, essenziale per il settore, e comunanza di visione tra le varie anime che compongono l’arco diplomatico e politico di un universo come quello di Leonardo.

Difesa e relazioni

«I risultati dei primi nove mesi sono molto positivi». Alessandro Profumo, amministratore delegato di Leonardo, è soddisfatto dei ricavi segnati nel 2021 dalla più importante società italiana del settore difesa e sicurezza, partecipata al 30% dal Ministero delle Finanze. A spingere è il settore militare/governativo, che totalizza l’87% dei ricavi del gruppo.

Nell’Odissea, Penelope tesseva all’infinito un lenzuolo funebre per evitare di dover convolare a nuove nozze, nella speranza che il marito Ulisse facesse ritorno a casa. Nella speranza di rimanere tra i grandi del settore nonostante la pandemia e la scarsa capacità dell’Italia di aiutare le proprie imprese multinazionali, Leonardo tesse un’altra tela, fatta di relazioni con i governi di tutto il mondo e con le aziende italiane da lei partecipate o controllate. È così che gli ordini della società per il settore militare con i governi mondiali hanno raggiunto i 9,2 miliardi di euro, «in netta crescita rispetto ai primi nove mesi del 2020», si legge in un comunicato stampa di novembre.

Da luglio 2021 a ordire la tela di Leonardo c’è un nuovo think tank: la fondazione Med-Or. È presieduta da Minniti, che nel febbraio 2021 ha lasciato il Parlamento per dedicarsi in pieno alla nuova missione. Con l’attività di Med-Or, incentrata da statuto su formazione e scambio culturale, Minniti può continuare comunque, in altra veste, a promuovere le sue proposte politiche. Da ministro è stato tra i promotori di una maggiore sorveglianza del Mediterraneo e il monitoraggio dei confini è tra i principali campi di interesse del nuovo datore di lavoro di Minniti, la stessa Leonardo.

IrpiMedia è gratuito

Ogni donazione è indispensabile per lo sviluppo di IrpiMedia

L'inchiesta

#Sorveglianze è una serie che indaga su nuovi protagonisti e industria dei think tank del comparto della cybersicurezza in Italia. Nasce dalla collaborazione tra IrpiMedia e Privacy International, organizzazione britannica che si occupa di sorveglianza di massa e difesa dei diritti umani.

Dove non arrivano le istituzioni, arriverà la tela di Leonardo

L’inizio della missiva è istituzionale: «Gentile Prefetto». Poi, in penna, si legge un più confidenziale «caro Franco». «Il Gruppo Leonardo – prosegue la lettera firmata in calce dal presidente Marco Minniti – ha da poco costituito una nuova Fondazione denominata Med-Or, che ho l’onore di presiedere». Il «Franco» è Franco Gabrielli, ex capo della Polizia di Stato e oggi sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri. Una lettera simile è stata ricevuta da Luciana Lamorgese, successora di Minniti al ministero dell’Interno dopo la parentesi di Matteo Salvini e da Luigi Di Maio, ministro degli Esteri. Hanno tutti partecipato, su invito, al Med-Or Day del 20 luglio scorso, giorno del lancio della fondazione.

«La Fondazione – prosegue Minniti – nasce con obiettivi molto ambiziosi e con una spiccata vocazione al servizio degli interessi nazionali, ai quali, come sa, ho dedicato larga parte della mia vita». Scopo di Med-Or, unione tra “Mediterraneo” e “Oriente”, è favorire il «dialogo con quegli attori internazionali di cui l’Italia si pone come naturale interlocutore» con particolare attenzione all’area che Minniti ha più volte definito il «quadrante Mediterraneo», l’area geopolitica che dal Mediterraneo si estende fino al Sahel e al Medio Oriente. «Come certamente saprà, e come ho potuto apprezzare anche io nelle mie precedenti esperienze istituzionali, quasi tutti i Paesi industrializzati utilizzano come base di relazione questo genere di strumenti con risultati molto spesso apprezzabili ed obiettivi altrettanto ambiziosi», aggiunge l’ex ministro.

Med-Or è la camera di compensazione per incontri formali e istituzionali, un incubatore di relazioni da mettere a disposizione non solo dell’azienda Leonardo, ma di tutto il traballante Sistema Italia. «Esiste un sistema Italia?», si chiedeva l’ex ministro in un’intervista a Libero del settembre 2020. La domanda retorica seguiva una riflessione sull’azione italiana in Libia, dove nonostante l’Italia gestisca un ospedale a Misurata, il porto è finito nelle mani della Turchia con una commessa di 99 anni. Il sottotesto era che l’Italia non è in grado di consolidare le sue posizioni di vantaggio, di affermarsi in più settori muovendosi come un’entità sola.

#Sorveglianze

Europa, guerra alla crittografia

Documenti pubblicati dal governo olandese mostrano i tentativi di intercettare app di messaggistica criptate. Privacy vs indagini della magistratura: il conflitto è ovunque. Ma l’Italia sull’uso degli spyware ha una giurisprudenza tutta sua

Dove non arrivano le istituzioni, arriverà però la tela di Leonardo: «I vertici di Leonardo considerano questa iniziativa con particolare interesse, non solo per il contributo che essa darà ai rapporti internazionali del Gruppo, favorendone il posizionamento strategico, ma anche perché Med-Or aspira a rappresentare un patrimonio a disposizione delle istituzioni italiane e a tutela dei suoi valori», scrive Minniti nella lettera d’invito al Med-Or Day.

La fondazione è sostenuta da Leonardo – unico promotore – con un Fondo di Dotazione pari a 120 mila euro e con un contributo «per finanziare le iniziative attualmente in corso (borse di studio, alta formazione, stages etc)» di circa 500 mila euro, spiega Leonardo in una nota a IrpiMedia.

«Le fondazioni con caratteristiche analoghe a Med-Or sono soprattutto di matrice anglosassone e francesi. Gli esempi sono molti», prosegue la società, senza però fare nomi. «La vocazione di una fondazione come Med-Or è quella di intrattenere con i Paesi del Mediterraneo un dialogo aperto basato su scambi culturali», aggiunge. Nel comitato strategico Med-Or conta emissari dai ministeri di Esteri, Interno, Sviluppo economico, Difesa e Finanze; Presidenza del Consiglio dei ministri e federazione delle Aziende Italiane per l’Aerospazio, la Difesa e la Sicurezza (Aiad), associazione di categoria delle imprese di settore guidata dall’ex parlamentare, fondatore di Fratelli d’Italia Guido Crosetto. Med-Or non è un’agenzia pubblica, però le assomiglia. È la portabandiera della diplomazia fuori dalla cancelleria: quella delle amicizie, dei rapporti industriali, dei progetti di scambio culturale.

«La circostanza che ci sia solo uno sponsor non è molto comune nei think tank», commenta Mattia Diletti, professore all’università La Sapienza di Roma e autore de I think tank (Farsi un’idea), edito da Il Mulino. «Con Med-Or è molto spinta la dimensione di rete. In scienza politica si parla di gatekeeper o imprenditori di policy, cioè persone che fanno da traino ad altre reti di portatori di interessi: quando Minniti si muove non rappresenta solo se stesso», dice Diletti.

Politica, impresa e giornalismo dentro Fondazione Med-Or
  • Marco Minniti: Presidente – Ex ministro dell’Interno del Governo Gentiloni, ex parlamentare del Partito democratico. È stato il promotore delle politiche di contenimento dei flussi migratori dalla Libia.
  • Alessandro Ruben: Consigliere di amministrazione – Avvocato, ex parlamentare vicino a Gianfranco Fini, ex consigliere di Ignazio La Russa quand’era ministro della Difesa del governo Berlusconi, gode di un’ottima reputazione internazionale. Ha rapporti di amicizia con Joe Biden e Nancy Pelosi. È stato fino al 2021 consulente di Cassa depositi e prestiti. Fa parte insieme al presidente di Elettronica Enzo Benigni della Fondazione Guido Carli, fondazione che rappresenta alcune delle voci più influenti di Confindustria.
  • Germano Dottori: Consigliere d’amministrazione – Accademico, consigliere scientifico di Limes, tra il 2018 e il 2019 è stato consigliere dell’allora presidente del Copasir e sottosegretario alla Difesa Raffaele Volpi (Lega). È autore de La visione di Trump, libro che considera l’elezione dell’ex presidente americano non un incidente della storia, ma il risultato di conseguenze della Guerra Fredda.
  • Paolo Bigi: Consigliere d’amministrazione – Dal 2021 è amministratore delegato del gruppo saudita di ingegneria e costruzioni Arkad, un colosso del settore che nel 2018 ha chiuso alcuni impianti in Liguria a seguito di una riorganizzazione del gruppo. Dal 2017 al 2020 è stato manager del Saudi Binladin Group (SBG), la società di ingegneria fondata dal padre di Osama Bin Laden e tuttora controllata dalla famiglia del terrorista saudita.

Del consiglio di amministrazione fa parte anche il giornalista Pietrangelo Buttafuoco, firma di diverse testate nazionali e direttore del giornale della Fondazione Leonardo. Tra gli autori degli articoli e delle analisi di Med-Or ci sono invece il vicedirettore del Foglio Alessandro Giuli e la figlia di Francesco Cossiga, Anna Maria. Il sito che ha seguito maggiormente il lancio di Med-Or è Formiche.net, fondato ed edito da Paolo Messa, dal 2018 al 2020 responsabile delle Relazioni Istituzionali Italia del Gruppo Leonardo. Il gruppo di Formiche pubblica anche la rivista specializzata Aviopress.

Minniti a Med-Or: intelligence, Niger, Libia e gli amici del Golfo

Il primo think tank co-fondato da Marco Minniti è stato Icsa, Intelligence Culture and Strategic Analysis, tra il 2009 e il 2013, anno in cui ha lasciato l’incarico per diventare sottosegretario della Presidenza del Consiglio (presidente Enrico Letta) con delega ai Servizi segreti. Icsa, oggi guidata dal generale in pensione Leonardo Tricarico, si occupa di formazione nel campo dell’intelligence e ha avuto come primo presidente Francesco Cossiga, l’ex Capo dello Stato che ha sempre nutrito una grande passione per i servizi segreti. Nel mare di “ditte individuali”, Icsa è stata una novità fin dal principio, un collettore di relazioni e competenze in un ambito specifico, quello della difesa e della sicurezza.

Ombre sulle fondazioni: tra diplomazia del caviale e ingerenze di potenze estere

Era il 2014 quando il New York Times titolava: «Potenze straniere comprano la propria capacità di condizionare nei think tank». Un’inchiesta del quotidiano newyorkese, si legge, «ha scoperto che più di una dozzina di importanti gruppi di ricerca di Washington hanno ricevuto decine di milioni di dollari da governi stranieri in anni recenti mentre facevano pressioni su funzionari pubblici del governo degli Stati Uniti per adottare politiche che spesso riflettono le priorità dei donatori. I soldi stanno sempre più trasformando quello che un tempo era l’industria dei pensatoi in un braccio per le operazioni di lobbying dei governi stranieri su Washington».

L’Azerbaijan, tra il 2014 e il 2016 almeno, avrebbe foraggiato diversi europarlamentari, anche attraverso le loro fondazioni o i loro gruppi di interesse, per poter influenzare le loro decisioni sulle sanzioni da comminare o meno ai danni del regime della famiglia Aliyev. Per quanto riguarda l’Italia, lo ha stabilito in primo grado il Tribunale di Milano nella sentenza a carico dell’ex eurodeputato Luca Volontè e della sua Fondazione Novae Terrae. Indagini in corso riguardano anche importanti politici di diversi partiti in Germania che fanno parte di gruppi di consulenza, organizzazioni di lobby e in alcuni casi fondazioni.

È l’onda lunga della “Diplomazia del caviale”, la strategia attuata dal regime di Baku per comprarsi i voti favorevoli di alcuni europarlamentari intorno al 2010. Il sistema per il pagamento delle tangenti, la Lavanderia azera, è stata indagata da Occrp e ha innescato, oltre al processo italiano, l’introduzione della figura del titolare effettivo nel registro imprese scozzese, il congelamento di diversi conti finanziari collegati alla vicenda nel Regno Unito, la chiusura nel 2019 delle filiali baltiche e russe della Danske Bank a seguito di verifiche antiriciclaggio su operazioni sospette dal valore di circa 3 miliardi di dollari, una multa da 20 mila euro a una deputata tedesca a cui stanno facendo seguito nuove indagini ancora in corso.

Joseph Muscat, l’ex primo ministro maltese costretto alle dimissioni nel 2020 per la vicinanza di alcuni membri del suo staff a personaggi sotto indagine per l’omicidio di Daphne Caruana Galizia, dopo aver lasciato il governo – riporta The Shift – è entrato in un think tank finanziato dal governo azero, il Nizami Ganjavi International Center, portandosi dietro critiche simili a quelle che riguardano Renzi e i suoi rapporti con l’Arabia Saudita.

La fondazione di Matteo Renzi, Open, è ora sotto indagine con l’accusa di essere stata impiegata per presunti finanziamenti illeciti. Nel 2015, due anni dopo che Minniti aveva lasciato l’organizzazione, anche Icsa era finita in mezzo alle indagini sulla Cpl Concordia, la cooperativa accusata di aver corrotto l’allora sindaco di Ischia nei lavori di metanizzazione dell’isola. Il processo si è chiuso in appello con l’assoluzione per tutti gli imputati con formula piena. Icsa, secondo Il Fatto quotidiano, era stata indagata per aver ricevuto donazioni dalla Cpl Concordia.

È stata poi l’esperienza al Ministero dell’Interno a corroborare la reputazione di Minniti in temi di geopolitica, in Libia in primis. Minniti è stato un punto di riferimento di primo piano per la politica di esternalizzazione delle frontiere, che si è costruita dal 2015 attraverso la formazione di guardie di frontiera e la cessione o vendita – a seconda degli accordi – di tecnologie di sorveglianza ai Paesi di transito delle principali vie migratorie verso l’Europa. In qualità di capo del Viminale, ha siglato nel febbraio 2017 l’Accordo d’intesa con il governo di Tripoli per finanziare la Guardia costiera libica; ha promosso il contestatissimo codice delle ong, che avrebbe permesso, tra le altre cose, ai funzionari di polizia di salire a bordo delle navi per raccogliere informazioni; ha fatto da garante a un accordo di pace tra 72 tribù del Fezzan, la regione meridionale della Libia, allo scopo di pacificare la Libia e, in ultima istanza, di creare «una guardia di frontiera libica per sorvegliare i confini a Sud della Libia, su 5 mila chilometri di confine», diceva Minniti.

Lungo quella frontiera, il sistema di sorveglianza – già da prima dell’intensa attività di Minniti – è stato implementato dalla Selex, allora del gruppo Finmeccanica, oggi Leonardo. «La nostra azienda produce i sensori per il controllo dei confini ma sappiamo perfettamente che senza le tribù del deserto quei confini non possono essere sorvegliati. Questo perché è indispensabile il fattore umano, non esistendo una tecnologia che possa cancellare completamente l’importanza del fattore umano», sono state le parole di Minniti il 29 ottobre, giorno in cui Leonardo, attraverso Med-Or, ha donato 50 respiratori al Niger per fare fronte alla pandemia da Covid-19. «Sappiamo che nel Sahel si gioca una sfida decisiva per la sicurezza complessiva del Mediterraneo e del pianeta. Il Sahel è attraversato da tensioni e da instabilità: tuttavia, in quello che abbiamo chiamato “il confine Meridionale dell’Europa” – definizione che all’epoca, quando fu detta, venne presa con scandalo e ora è diventata cultura comune – si gioca una partita cruciale per la sicurezza dell’Europa, per la lotta contro il terrorismo e per il tema dei flussi migratori», sono state le parole del presidente di Med-Or.

Da sx a dx: Luciano Carta, Marco Minniti e Alessandro Profumo al lancio di Med-Or il 20 luglio 2021 – Foto: med-or.org

Il vicepresidente della Libia Abdullah al Lafi in occasione del lancio di Med-Or ha inviato un caloroso messaggio di augurio «all’amico Marco». Intervistato ad aprile 2021 da Repubblica, al Lafi ha detto: «La cosa più importante per noi è l’appoggio a garantire la sicurezza del Mediterraneo e fermare l’immigrazione clandestina». In quest’ottica il Paese sta discutendo l’acquisto sia di elicotteri per il pattugliamento della zona di mare nella quale i salvataggi sono di competenza libica, sia per costruire un polo di assemblaggio degli elicotteri in loco.

Al lancio di Med-Or ha partecipato anche Dimitris Avramopoulos, l’ex Commissario europeo per le migrazioni ai tempi di Minniti ministro. Ci sono stati poi Mohamed Abdirizak, ministro degli esteri somalo e l’imprenditore ed ex coordinatore delle operazioni del Mossad su prigionieri di guerra e vittime in azioni armate sotto il primo governo di Benjamin Netanyahu David Meidan (che dice di essere «onorato di fare parte dell’iniziativa Med-Or Leonardo» e ringrazia Minniti per la fiducia).

Vuoi fare una segnalazione?

Diventa una fonte. Con IrpiLeaks puoi comunicare con noi in sicurezza

A questi si sono aggiunti tre ministri dai Paesi del Golfo: Abdullatif bin Rashid Al Zayani, Ministro degli Esteri del Bahrain; Sheikh Mohammed bin Abdulrahman Al-Thani, Vice Primo Ministro e Ministro degli Esteri del Qatar e Hamad bin Mohammed Al Sheikh, Ministro dell’Istruzione dell’Arabia Saudita. Tutte persone che ringraziano personalmente Minniti per l’invito a partecipare a Med-Or e che rappresentano Paesi con i quali Leonardo ha ormai una relazione consolidata. In Bahrain, che nel 2020 ha riconosciuto Israele come nazione, Leonardo ha appalti per la gestione del traffico aereo civile e militare, per la fornitura di navi e per il sistema di tracciamento radar della marina militare. In Qatar, Leonardo ha ricevuto nel 2021 una commessa per la formazione contro attacchi hacker degli operatori del centro di ricerca Qatar Computing Research Institute, fornisce navi ed elicotteri. In Arabia Saudita Leonardo ha storiche forniture di aerei e navi da guerra.

Leonardo e le sue figlie

Tra gli elementi di forza della tela di Leonardo, c’è un’ampia rete di partecipazioni nel capitale sociale di aziende che si occupano del settore difesa e sicurezza. Alcuni apparentamenti possono essere cementificati anche da protocolli d’intesa. Un esempio di inizio novembre riguarda l’accordo con Elettronica Spa – la società che controlla l’azienda protagonista delle puntate precedenti di #Sorveglianze, Cy4gate – «volta al consolidamento e rafforzamento del core business di Leonardo», ha spiegato l’ad Alessandro Profumo. In sostanza, è un accordo per partecipare insieme a progetti internazionali. «Il giorno dell’inaugurazione Med-Or ha mostrato agli ospiti il proprio centro di analisi, basato su fonti aperte e finalizzato a comprendere meglio il dibattito e le dinamiche sociali e culturali dei Paesi di interesse», ha spiegato Leonardo a IrpiMedia.

Un momento del Med-Or Day, giornata di lancio della fondazione Med-Or a luglio 2021. Proiettato sullo schermo si vede quello che sembra essere un cruscotto informativo simile a quello prodotto dall’azienda Cy4gate – Foto: formiche.net

Cy4gate presenta il cruscotto informativo AMICO durante l’edizione del 2019 della conferenza Italian Conference on Cybersecurity (ITASEC2019). Nel tweet da cui è tratta l’immagine si legge che AMICO è una piattaforma sviluppata per la visualizzazione dei dati, in grado di raccogliere e analizzare enormi flussi di dati in tempo reale – Foto: Twitter

II software impiegato sembra lo stesso prodotto da Cy4gate: sullo schermo si vede infatti una versione personalizzata con il logo di Med-Or di un cruscotto informativo identico a quello di AMICO, acronimo di Advanced Multimedia Information COckpit. Il sistema permette di accedere a documenti e informazioni raccolti online da cosiddette “fonti aperte” come i social network, database pubblici oppure rassegne stampa. Metro ne ha parlato per prima nel 2018, spiegando che il prodotto è «elaborato da Leonardo Spa e dalla romana Cy4gate». AMICO è in grado di interagire con altri software sviluppati da Cy4gate. Nelle slide pubblicate a seguito di un incontro dello scorso ottobre, si legge che la colonna destra del pannello AMICO può ospitare documenti provenienti da un altro prodotto, QUIPO, definito dall’azienda «la piattaforma sviluppata da Cy4gate per supportare gli analisti di intelligence». Med-Or, però, «non utilizza il software QUIPO», replica Leonardo.

In un’intervista di luglio 2021, al blog dello studio professionale Telos, Minniti ha aggiunto due tematiche connesse alla sicurezza sanitaria tra gli interessi di Med-Or: «La prima è l’Health Intelligence, un’area in cui Leonardo ha il know-how per potersi cimentare. L’altra è l’Health Surveillance, cioè avere una sorveglianza dell’andamento della pandemia». «L’epidemia – ha aggiunto Leonardo nelle risposte a IrpiMedia – ha evidenziato come il tema della gestione delle emergenze sanitarie sia un tema cruciale. L’epidemia ha evidenziato le difficoltà dei sistemi che non hanno sistemi di monitoraggio (health surveillance) dell’evoluzione epidemiologica. L’Italia può essere un riferimento per questi paesi, per migliorare la loro capacità di gestione delle proprie complessità». Su questo stesso tema si è anche concentrata l’attenzione proprio di Cy4gate, che ha sviluppato HITS, un software per il tracciamento dei contatti.

La tela di Leonardo nella storia dei pensatoi

I “serbatoi di pensiero” alla Med-Or sono un’invenzione della politica americana del Secondo dopoguerra sulla scorta, scrive il sociologo Mattia Diletti nel libro I think tank (farsi un’idea), della «speranza – quasi sempre infranta – che la conoscenza, la dottrina, il sapere o la razionalità influenzino l’azione dei sovrani e delle istituzioni». Negli Stati Uniti i pensatoi hanno tanti portatori d’interesse e lo studioso Robert Kent Weave li ha catalogati in tre modelli: «università senza studenti», cioè poli di formazione che sopperiscono alle lacune dei partiti; dipartimenti di ricerca e sviluppo che vivono di finanziamenti pubblici (un nome per tutti: Rand Corporation, il più grande think tank del mondo, con un budget tra i 200 e i 250 milioni all’anno e commesse milionarie soprattutto dal Dipartimento della Difesa) oppure agorà politica dove si formano idee e progetti connotati ideologicamente (partisan think tank). Tutti i think tank di stampo americano «si muovono nell’interstizio tra politica, industria e attori privati – afferma Diletti a IrpiMedia -. In generale hanno una pluralità di donatori che permette loro una maggiore indipendenza».

IrpiMedia è gratuito

Ogni donazione è indispensabile per lo sviluppo di IrpiMedia

In Europa queste organizzazioni sono più piccole. Si sviluppano per lo più in Gran Bretagna e in Germania, dove spesso nascono a latere di centri di potere che si dedicano a studi o di politica estera o di politica economica. In Francia, Paese dove hanno sede alcuni dei modelli di Med-Or, c’è ad esempio Ifri, l’istituto francese di relazioni internazionali, organizzazione che conta decine di partner e finanziatori e nel cui board compaiono ex consiglieri di Stato, accademici, manager di Renault, L’Oreal e Burelle (società che si occupa di prodotti di plastica), banchieri e pubblici ufficiali.

L’obiettivo – al di qua e al di là dell’Oceano – è spesso quello di creare un’interazione positiva tra importanti aziende nazionali, mondo accademico e governo. In altri termini “fare sistema”. In Europa hanno inoltre grande successo i “pensatoi personali”, spazi di manovra di leader politici che mettono a sistema la propria rete di relazioni e la propria autorevolezza. Spesso sono ex politici, come Tony Blair oppure Gerhard Schröder.

Renzi: dal pensatoio personale all’Arabia Saudita

In Italia c’è chi, come Matteo Renzi, è passato dal pensatoio personale della Fondazione Open a un think tank istituzionale di un Paese straniero: nonostante sia senatore, ha infatti deciso di far parte di Future Investment Initiative Institution (FIII), il think tank della monarchia saudita, accusata – tra le altre violazioni dei diritti umani – di aver commissionato l’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, giornalista e scrittore ucciso al consolato saudita di Istanbul il 2 ottobre 2018. Secondo un rapporto del febbraio 2021 dell’Ufficio del direttore dell’intelligence, l’organismo di consulenza in materia di intelligence del governo di Washington, «il principe saudita Mohammed Bin Salman ha approvato l’operazione di Istanbul, Turchia, per catturare o uccidere il giornalista saudita Jamal Khashoggi». A un mese dall’uscita del documento, criticato per le visite in Arabia Saudita, Renzi ha risposto che Bin Salman «è un mio amico, lo conosco da anni. E non c’è nessuna certezza che sia il mandante dell’omicidio Kashoggi. Sul quale peraltro da parte mia c’è una condanna piena evidente».

Il partecipare a eventi in nome di una fondazione straniera non viola di per sé alcuna regola al Senato, il ramo del Parlamento nel quale è stato eletto Matteo Renzi: è solo discutibile sul piano dell’opportunità politica. Fosse successo con un deputato, la situazione sarebbe stata diversa, in virtù di un codice di condotta del 2016 che impone agli eletti della Camera di accettare «rimborso delle spese di viaggio, di alloggio e di soggiorno» solo se intervengono «nell’esercizio delle loro funzioni», come ricordato da The Good Lobby. Dal 1997 il Consiglio d’Europa attende che l’Italia ne adotti uno.

In Italia vanno particolarmente di moda le «ditte individuali», come le aveva definite una volta l’ex ministro socialista Gianni De Michelis. Sono think tank nati allo scopo di promuovere le leadership personali: «L’ambiente italiano è più modesto, la nostra economia non ha grandi attori di sistema. I nostri grandi attori sono enti pubblici o parapubblici», aggiunge, da leggersi Eni e Leonardo. Quest’ultima ha spiegato a IrpiMedia di «avere il dovere di avere dei rapporti con i Paesi in cui opera, che vadano al di là del solo rapporto commerciale. Med-Or, come emerge chiaramente dallo Statuto, non si occupa di Procurement [cioè di bandi, ndr]. La sua mission è quella di costruire un dialogo basato sulla cultura e sullo scambio di conoscenze e competenze. Attraverso Med-Or, Leonardo intende avviare una nuova partnership con la realtà del Mediterraneo allargato».

Tessere la tela, insomma. Tra le azioni concrete finora realizzate ci sono analisi e ricerche firmate da giornalisti e accademici pubblicate sul sito e l’apertura di una partnership tra l’università Mohammed VI di Rabat, in Marocco, e la Luiss di Roma, attraverso cui sono state finanziate le prime tre borse di studio per studenti marocchini.

CREDITI

Autori

Lorenzo Bagnoli
Riccarco Coluccini

Ha collaborato

Editing

Luca Rinaldi

Foto

Marco Minniti, in qualità di Ministro dell’interno, durante una conferenza stampa a Palazzo Chigi a gennaio 2016.
Foto: Simona Granati/Corbis