The mysterious meme coin sponsoring top-flight European football clubs

#InEnglish

The mysterious meme coin sponsoring top-flight European football clubs

January 13, 2022

 

Raffaele Angius
Lorenzo Bodrero
Matteo Civillini

On 28 November, Napoli hosted Lazio at home. The evening marked the one-year anniversary of the death of local idol Diego Armando Maradona. Ahead of kick-off, a life-size bronze statue of the Pibe de Oro paraded in front of more than 40,000 fans. The bust of Maradona also adorned the special shirt that the Neapolitan side was wearing for the occasion. That, however, was not the only new feature appearing on the game kit. On the back, under the players’ numbers, the word “Floki.com” was emblazoned for the first time, next to the image of a small dog wearing a Viking helmet.

The jersey back sponsor made its debut a few days after the announcement of Napoli’s agreement with Floki Inu, a so-called “meme coin”, a cryptocurrency started as a joke. Products that derive their value not from the real utility, but from the hope that going viral will inflate the currency’s value. Trading in meme coins resembles a sort of collective high-stakes gambling. Crypto is an extremely volatile market that is fraught with fraud attempts. For every winner, there are several losers. The value of Floki Inu is down by over 60% (as of January 13th) since the announcement of the Napoli sponsorship.

Since the start of the football season, clubs across Europe have been raking up sponsorship deals with crypto outfits. It is a fresh attempt to cope with financial woes exacerbated by the consequences of the pandemic. According to research by IrpiMedia, at least 15 Serie A clubs have commercial relationships with entities in the cryptocurrency world. In the English Premier League, 17 out of 20 clubs have clinched sponsorship deals in the sector.

IrpiMedia è gratuito

Ogni donazione è indispensabile per lo sviluppo di IrpiMedia

The Grand Bouffe

Sponsorships between Serie A clubs and cryptocurrency companies during the 2021/2022 season

The Italian financial conduct authority, Consob, has raised alarm over “the high risks associated with operations in crypto-assets”. A spokesperson for the supervisory body told IrpiMedia that “the issue is being looked at by our offices and we can only recommend investors the utmost caution, given the extremely high risks in which they may incur.”

Last July Consob issued a warning against Binance, a crypto exchange, specifying that the companies of the group “are not authorised to provide investment services and activities in Italy”. Binance has been the main sponsor of Lazio since October.

Authorities have stepped in elsewhere in Europe: on 21st December 2021, the UK’s Advertising Standards Authority (Asa) banned two advertisements for the purchase of Arsenal fan tokens offered by Socios. Similarly to Floki, fan tokens are risky financial assets based on blockchain technology and tradable using other cryptocurrencies. The ASA ruling warned future ads “must not trivialise investment in crypto assets” or “irresponsibly take advantage of consumers’ lack of experience or credulity by not making clear that capital gains tax could be due on cryptoasset profits”.

Over the last few months, Floki Inu has launched an unprecedented marketing campaign in the crypto world. In addition to Napoli, other historic European clubs such as Bayer Leverkusen, Spartak Moscow, Fenerbahce and Twente have signed commercial agreements with the cryptocurrency. British boxer Tyson Fury posted a promotional video on his Instagram page in which he described himself as “proud to be a Viking Floki.”

The high-level endorsements have contributed, at least on paper, to create an aura of legitimacy around Floki Inu. The cryptocurrency boasts over 370,000 holders and a market cap of roughly $900 million (as of January 4th). But what is Floki really offering? One of the projects they promise to develop will be called “Valhalla”, a metaverse game built around the Viking traditions where it will be possible to buy and exchange Non Fungible Tokens (NFTs).

“We understand how big of an issue unemployment is all over the world”, Floki says on its website, “and the FLOKI P2E NFT game will solve this problem by helping many people to make a living through P2E gaming”. The cryptocurrency also touted the creation of Floki Inuversity, which its creators promise will be “the premier cryptocurrency education platform”.

Finally, the company is active in charitable activities by supporting the creation of primary schools in Ghana, Guatemala and Laos, as confirmed to IrpiMedia by the NGO Pencils of Promise.

Celebrations by Napoly players after the away game with Milan on December 19, 2021 – Photo: MB Media/Getty

A little digging, however, brings up information that raises concerns. The project is almost entirely managed by anonymous people, hiding behind faceless Twitter accounts. The technical features of the currency – and the lack of transparency over the developer’s holdings – have set off alarm bells with crypto experts. Finally, the legal entity behind Floki Inu is a shell company based in a remote village in Georgia, the Eastern European country, and controlled by a nominee shareholder, as confirmed by one Floki’s core team members.

According to Patrick Boyle, former hedge fund manager and now professor of derivative finance at King’s College London, meme coins like Floki Inu are similar to pump and dump schemes: an ancient mechanism of financial manipulation to artificially raise the value of an asset before offloading it. Those who sell at the right time make a profit, all the others are left empty-handed.

“The investment strategy of Floki Inu is not clear, nor what should drive the growth of the money people put in”, Silvia Bossio, operational manager of Chainblock explains to IrpiMedia: “As if part of a collective hysteria dictated by speculation, people are flocking to any new supposed crypto miracle. As a result, they decided to put their savings into this venture, convincing themselves this would be a huge success. Those funds have been largely reinvested in advertising campaigns and sponsorships that serve to increase the audience of those who believe they are about to become millionaires”. The reference is to the so-called “fomo”, fear of missing out.

“My new Shiba Inu will be called Floki”

Floki Inu landed on the crowded cryptocurrency market last June. Its birth is not the realisation of a sophisticated business plan, but, in stark contrast, just a spur-of-the-moment reaction to a simple tweet from Elon Musk. “My new Shiba Inu will be called Floki,” wrote the Tesla founder – the reference is to the dog breed of Japanese origin – triggering a small earthquake in the crypto world.

Musk is a cult figure in the crypto community after he propelled with his tweets the dizzying growth of Dogecoin, the progenitor of meme coins. Created in 2013 as a joke by two American computer engineers, Dogecoin had thrived for several years only within a niche community of followers. Then, on the back of broader speculations in the financial markets and the support of celebrities such as Musk, the value of the satirical cryptocurrency skyrocketed: from $0.005 recorded on January 1, 2021 to an all-time high of $0.72 on the 8th May following, with a growth of 12,000%. Later in the year the value of Dogecoin collapsed, but in the meantime, a legend was born. Reddit forums and Youtube channels dedicated to the crypto world are flooded with stories of dozens of people who claim to have become millionaires thanks to the meme coin. The tales have set off a frenzied hunt for the next satirical currency destined for success.

Among the dozens of coins popping up immediately after Musk’s tweet on June 25th was Floki Inu. The project details publicly available are limited. Developers and promoters are protected by anonymous profiles, with the sole exception of one of the developers, Jackie Xu. The first white paper – a document that outlines the purpose of the coin – said that “Floki’s mission is to become part of the dog token family” and that developers “hope to create a positive community”.

Despite the initial enthusiasm, the cryptocurrency went off to a rocky start filled with thefts, internal quarrels and several revival attempts. In the first ten days of its existence, Floki Inu suffered at least two rug pulls: scams, common in the crypto space, in which developers drain the liquidity and move it to their personal wallets.

The remaining core team members blamed the project’s first developer and turned a page. They created a second version of Floki Inu with a new blockchain contract and injected fresh capital, saving the community that had rallied around them in support of the project. The new technical specifications ensured – according to Floki Inu – that the project has become more solid and secure.

One of Floki Inu’s fathers, the user “B (Da Viking)”, told IrpiMedia that he had implemented indispensable measures to protect Floki’s Vikings. These include liquidity locked for 265 years – which prevents developers from emptying the pool in which investors put their money. He also said they strengthened the shared responsibility of all the administrators of the team who must all sign-off major changes. Contacted by IrpiMedia, “B” confirmed that Floki Inu now enjoys security features in the utmost interest of investors.

However, “B” did not want to say how many wallets and what percentage of the tokens are controlled by Floki developers. Simply put, it is not possible to know whether a single person or a small group of core holders has the power to drive up or down the currency’s price. If all the major holders decided to sell their tokens at the same time, Floki Inu would be largely driven out of existence.

“B” claims that the developers of Floki Inu have no intention of selling their tokens to cash in and that they are making numerous sacrifices for the sake of the project.

Nigerian bloggers and empty companies

“Anyone could create a meme token at any time and pitch it as an investment”, observed Stefano Capaccioli, chartered accountant and founder of Coinlex, a consulting firm on cryptocurrencies and blockchain solutions. “But the meme coin market is rife with complex instruments, wallets and wild volatility: pieces of an extremely complex jigsaw that is not always in the hands of competent or bona fide people”.

To get a better idea of ​​the reliability of Floki Inu, IrpiMedia tried to dig a little deeper into who is really behind this project. The only real name Floki Inu has published is that of lead developer Jackie Xu, a computer engineer based in the Netherlands. At the head of the technological aspects, Xu shows little involvement in strategic decisions or in the promotion of Floki to the public.

Driving these efforts are a string of Twitter profiles in which real identities are hidden behind aliases. A member of the Floki team explains that this is a choice dictated by the fact that in the world of cryptocurrencies “the focus should not be on individuals, but on the entire community and on technological processes”.

A user named “Sabre” purports to be Floki Inu’s “marketing director”. An entrepreneur based in London, he had reportedly negotiated the sponsorship deals with the football clubs. “Sabre” claims he prefers to remain anonymous because he is not looking for notoriety.

Another particularly active profile is that of the user “B Da Viking”, who describes himself as Floki Inu’s “strategist”. IrpiMedia has discovered that behind this alias is a 27-year-old Nigerian freelance blogger and writer. Before dedicating himself full time to the world of cryptocurrencies, until last February “B” (as he is known online) ran a website in which he dispensed tips on how to make money through blogging and ghostwriting. “There is no doubt countless ways to make money online but writing for others is one of the most lucrative ways to make cool money online,” read the page, now removed. “B” claimed to earn a six-figure salary through his own business. On his site, it was also possible to purchase an e-book, priced at $ 29.99, featuring a step-by-step guide on how to become a successful freelance writer.

Alongside his career as a blogger, Floki’s head of operations had also ventured into catfish farming in Nigeria, with which he planned to “solve the problem of hunger in Nigeria and in various African countries, and finally in the world”. “B” said he does not want to reveal his identity because he fears for his own physical safety. “The risk of kidnapping is very high in Nigeria,” he explained.

The Floki team goes to great pains to highlight that the project is based on decentralisation and that operations are carried out almost exclusively on the blockchain. That’s the future, they argue. But, in today’s world, the presence of a legal entity was required to secure advertising deals.

The video promoting Floki Inu and Napoli partnership | Source: Twitter

Floki’s developers opted for Georgia. The Eastern European country has become a favourite destination for crypto-entrepreneurs attracted by low taxation and a permissive regulatory regime. Floki Ltd was founded on October 1st in Marneuli, a town of around 20,000 inhabitants located on the border with Armenia and Azerbaijan. Floki’s management does not appear to hold any position within the company. The sole director and shareholder is a 52-year-old Georgian woman with no apparent experience in the financial world.

“B” initially explained that the owner of Floki Ltd is a person “related to the management of Floki”. When IrpiMedia asked if the woman was a nominee director and shareholder who looks after the interests of the real beneficial owners of the company, “B” replied: “Exactly, that would be the best way to put it”.

Floki Inu’s massive advertising campaign

Since then Floki has embarked on a massive advertising campaign. It is funded by a tax levied on every purchase of the currency, the core team member said. Increased media exposure leads to more transactions which in turn drives up the budget for marketing activities up in a continuous cycle.

Towards the end of October on public transport in various European cities billboards appeared with the message “Missed Doge? Get Floki ”. A clear reference to the original meme coin, Dogecoin, and, again, to the fear of missing out. Having quickly gone viral, the campaign stirred up controversy. In London, following a complaint from a city councillor, the Advertising Standards Authority launched an investigation into the ads, which is still ongoing. Floki Inu told the BBC that it had complied with all legal requirements while shifting its attention to a new front of the marketing campaign: agreements with top European football clubs.

On November 23, Napoli announced that Floki Inu had become the new sponsor on the back of its blue shirt. The first press release published by the Neapolitan club quoted a spokesperson for Floki, according to whom the goal was “to become the best known and most used cryptocurrency in the world”. Napoli, on the other hand, explained that “they had discovered that our club and Floki have the same values ​​and the same aspirations for growth in common”. What are the values ​​and aspirations is not clear: the club has declined to answer this question, as well as the others asked by IrpiMedia. In the meantime, the press release has been subsequently replaced on the Napoli website by a more concise one in which the quotes have disappeared.

The agreement with Napoli was followed shortly afterwards by sponsorships with Bayer Leverkusen in Germany, Twente in the Netherlands, Spartak Moscow in Russia and Fenerbahce in Turkey. Floki Inu promoters celebrated each announcement, extolling the resulting media exposure. “The strategic partnership is a great victory for the crypto world,” said Floki Inu on the occasion of the agreement with Bayer Leverkusen, “because it introduces cryptocurrencies to millions of people in the Bundesliga and the Europa League while legitimising the sector to the eyes of hundreds of millions of people “.

For Boyle, a professor of derivative finance at King’s College, through these sponsorships, the clubs expose their fans to major risks. “I think that it is wrong to promote such products to your audience, especially without adequate disclosures,” said Boyle. “Pitching an investment product, particularly one as speculative and unconventional as a “new form of money” could end up bankrupting people, and destroying their retirement prospects.”

IrpiMedia asked Napoli, Bayer Leverkusen and Twente for details regarding the checks carried out on Floki Inu before signing their respective agreements. Nicola Lombardo, Napoli’s press officer, said he had nothing else to add to the press release published on the site. «The press release is fully exhaustive. The doubts are yours (the authors, ed) », added Lombardo. “And I remind you that in this corporate management, Napoli has always done everything they had to do with the utmost correctness”. IrpiMedia did not receive answers to questions sent to Bayer Leverkusen and Twente.

CREDITS

Authors

Raffaele Angius
Lorenzo Bodrero
Matteo Civillini

Infographics

Lorenzo Bodrero

Editing

Luca Rinaldi

Cover photo

Lorenzo Insigne and Mario Rui during the game Napoli-Lazio on November 8, 2021.
BSR Agency/Getty

Calcio e criptomonete: l’abbuffata della Serie A

#FuoriGioco

Calcio e criptomonete: l’abbuffata della Serie A

Raffaele Angius
Lorenzo Bodrero
Matteo Civillini

Il 28 novembre scorso il Napoli ospita in casa la Lazio. È la serata del ricordo di Diego Armando Maradona, l’idolo di casa scomparso un anno prima. In attesa del fischio d’inizio una statua di bronzo del Pibe de Oro, a grandezza naturale, sfila davanti agli oltre 40 mila tifosi presenti per l’occasione. Il busto di Maradona adorna anche la maglia speciale che l’undici partenopeo indossa per l’occasione. Quella, però, non è l’unica novità che appare sulla divisa di gioco. Sul retro, sotto i numeri dei giocatori, fa capolino per la prima volta la scritta “Floki.com”. Al fianco l’immagine di un cagnolino con l’elmo da vichingo.

L’insolito jersey back sponsor compare pochi giorni dopo l’annuncio dell’accordo del Napoli con Floki Inu, un cosiddetto “meme coin”, ovvero una criptovaluta nata per scherzo. Prodotti che basano il proprio valore non su una reale utilità, ma sulla viralità e sull’attivismo della comunità che spinge la diffusione della valuta stessa per provare a far salire le quotazioni. Una sorta di gioco d’azzardo collettivo in cui il rischio di scottarsi è molto alto: un mercato estremamente volatile che conta diversi tentativi di frode.

Tuttavia dall’inizio della stagione calcistica in corso, i club di mezza Europa sono impegnati a rastrellare sponsorizzazioni dal mondo delle monete digitali per far fronte a una lunga tradizione di conti in rosso, oltremodo esacerbata dalle conseguenze della pandemia. E le squadre di Serie A non sono da meno. Secondo una ricerca di IrpiMedia, sono almeno 16 i club con rapporti commerciali in essere con il mondo criptomonete. Nella Premier League inglese, sono 17 su 20. È la risposta delle società calcistiche alla crisi, una mancanza di liquidità che il “doping amministrativo” e le plusvalenze gonfiate non possono risolvere da sole.

Lo shopping compulsivo nel settore delle criptomonete da parte del calcio nostrano ha coinvolto anche due degli organi che ne sovrintendono la gestione e che più dei club dovrebbero raccomandare prudenza: da quest’anno, infatti, anche la Lega Serie A e la Figc si fregiano delle sponsorship, rispettivamente, di crypto.com e Socios.

La grande abbuffata

Le sponsorizzazioni tra società del mondo delle criptovalute e i club di Serie A durante la stagione 2021/2022

A richiamare l’attenzione «sugli elevati rischi connessi con l’operatività in cripto-attività» sono sia Banca d’Italia sia la Consob. Un portavoce dell’organo di controllo per la tutela degli investitori ha dichiarato a IrpiMedia che «il tema è attenzionato dai nostri uffici e non possiamo che raccomandare agli investitori la massima cautela, visti i rischi altissimi in cui possono incorrere». La stessa Consob, lo scorso luglio, ha segnalato con un warning la società Binance, sponsor della Lazio da ottobre, precisando che le società del gruppo «non sono autorizzate a prestare servizi e attività di investimento in Italia».

Ma gli interventi delle autorità avvengono in ordine sparso anche nel resto d’Europa: il 21 dicembre, nel Regno Unito, l’autorità nazionale che controlla la liceità dei contenuti pubblicitari (Advertising Standards Authority, Asa) ha sanzionato due pubblicità per l’acquisto dei fan token dell’Arsenal che permette principalmente di acquistare prodotti dai suoi negozi online. Come con Floki, anche i fan coin sono strumenti a rischio basati sulla blockchain e scambiabili utilizzando altre criptovalute. Nel dispositivo adottato dall’Asa si legge che il club londinese stava «approfittando dell’inesperienza o della credulità dei consumatori, banalizzando l’investimento in attività cripto, ingannando i consumatori sul rischio dell’investimento e non rendendo chiaro che il token è un asset cripto»

Tornando a Floki Inu, dal giugno scorso, data della sua creazione, la criptovaluta ha lanciato una campagna di marketing senza precedenti nel mondo crypto. Oltre al Napoli, altri storici club europei come Bayer Leverkusen, Spartak Mosca, Fenerbahce e Twente hanno stretto accordi commerciali con la criptovaluta. Il pugile inglese Tyson Fury ha pubblicato un video promozionale sulla sua pagina Instagram in cui si definisce «orgoglioso di essere un vichingo Floki».

I festeggiamenti del post-partita Milan-Napoli il 19 dicembre 2021 – Foto: MB Media/Getty

Endorsement di alto livello che hanno contribuito, almeno sulla carta, a creare un’aura di legittimità intorno a Floki Inu. La criptovaluta vanta oltre 370 mila possessori e un valore di mercato di 1,2 miliardi di dollari (al 21 dicembre 2021). Ma cosa c’è davvero dentro? Uno dei progetti che promettono di sviluppare sarà “Valhalla”, un luogo virtuale ribattezzato in onore dell’aldilà di tradizione vichinga in cui sarà possibile acquistare e scambiarsi Non Fungible Tokens (NFTs). Un NFT corrisponde alla frazione di un bene – a cui è associata una stringa di codice univoca – per acquistare il quale un utente deve sborsare un determinato valore in criptovaluta. La società è inoltre attiva in attività benefiche attraverso il sostegno alla creazione di scuole elementari in Ghana, Guatemala e Laos, come confermato a IrpiMedia dalla organizzazione non governativa Pencils of Promise.

Il glossario delle criptovalute

Blockchain: immaginate una sequenza potenzialmente infinita di “blocchi” ciascuno dei quali contiene una serie di informazioni. L’acquisto di criptomoneta costituisce un blocco di informazioni, così come la vendita, l’aggiunta di un nuovo utente o di un wallet, la stessa cosa vale per una transazione economica. Chiunque può aggiungere nuove informazioni e a ciascun blocco, di default, è assegnato un codice univoco il quale “memorizza” e quindi verifica anche l’identità del blocco che lo precede. In questo modo è praticamente impossibile manomettere l’intera catena, motivo per il quale la blockchain è considerata sicura. In estrema sintesi, la blockchain è un enorme database controllato dai blocchi che lo compongono, immutabile, decentralizzato e altamente sicuro dal punto di vista informatico.

Criptovaluta: moneta virtuale, ossia che non esiste in forma fisica. Si genera e si scambia criptomoneta esclusivamente per via telematica e in modalità peer-to-peer, ovvero tra due dispositivi senza l’ausilio né l’intermediazione di autorità centralizzate. Le entità che danno vita allo scambio sono i “nodi”, nient’altro che dei computer gestiti da utenti all’interno dei quali sono continuamente all’opera software che svolgono la funzione di portamonete.

Fan Token: è un asset digitale creato sulla blockchain e collegato a una specifica squadra di calcio che permette ai detentori l’accesso di beni e servizi. Nel caso di Socios, principale emittente di questi prodotti, i fan token si appoggiano su Chiliz, una criptovaluta gestita da Socios stessa.

Meme coin: sono quelle criptovalute che nascono a seguito di fenomeni sociali, scherzi o contenuti diventati virali in rete. Il contenuto virale stesso diventa il volto, e spesso il logo, con cui è individuata la moneta. Il caso più celebre è Dogecoin, creata per scherzo nel 2013 e che si ispira all’ormai celebre cane Shiba Inu, razza giapponese dal pelo folto e di colore ocra. Simile è la genesi di Floki. Il nome del celebre personaggio della serie televisiva Vikings è quello con cui è stato battezzato il cane di Elon Musk. Floki Inu ha quindi raccolto l’eredità mediatica di due fenomeni diventati virali.

Non Fungible Token (NFT): sono dei certificati di proprietà di opere digitali ma non nella loro interezza. Un singolo NFT, infatti, corrisponde ad una frazione del bene/oggetto in questione il quale ha un valore determinato in base al valore dell’oggetto stesso. In sostanza, è come possedere una o più azioni di una società quotata.

Wallet: un portafoglio virtuale, simile a quelli più comuni associati, per esempio, alle app per i pagamenti in forma digitale. Sono necessari per immagazzinare e trasferire criptovalute.

Scavando poco più a fondo, però, si incontrano più ombre che luci. Partendo dal team, quasi esclusivamente anonimo, che gestisce il progetto. Passando dai forti dubbi sulle caratteristiche tecniche della valuta. E arrivando, infine, alla società dietro a Floki Inu: una “scatola vuota” con sede in un paesino sperduto della Georgia est-europea.

Secondo Patrick Boyle, ex hedge fund manager e oggi professore di finanza derivata al King’s College di Londra, i meme coin come Floki Inu sono assimilabili a degli schemi di pump and dump: un antico meccanismo di manipolazione finanziaria per far lievitare in maniera artificiosa il valore di un asset per poi scaricarlo. Chi vende al momento giusto (solitamente i promotori del progetto) realizza un profitto, tutti gli altri rimangono con il cerino in mano.

«Di Floki Inu non è chiara la strategia d’investimento né cosa dovrebbe spingere la crescita del denaro investito», spiega a IrpiMedia Silvia Bossio, dirigente operativa di Chainblock: «Quasi per un fenomeno di isteria collettiva, dettata dalla speculazione, le persone si muovono in massa verso il nuovo miracolo cripto, quindi decidono di mettere i propri risparmi in questa impresa, convinti di fare un affare. Quei soldi sono stati in larga parte reinvestiti in campagne pubblicitarie e sponsorizzazioni che servono ad aumentare la platea di quanti sono convinti di avere davanti l’occasione del secolo». Il riferimento è alla cosiddetta “fomo”, fear of missing out, ovvero la paura di mancare un’occasione imperdibile e di restare fuori da una squadra vincente. «Floki Inu nasce per gioco, ma non ci è dato sapere se farà le cose seriamente in seguito, ad oggi le intenzioni del team sembrano chiare, marketing e sponsorizzazioni: vedremo se poi daranno un’utilità al proprio sito web», chiosa l’esperta.

IrpiMedia è gratuito

Ogni donazione è indispensabile per lo sviluppo di IrpiMedia

Pecunia non olet e per i proprietari dei club – ricchi e meno ricchi – non è il momento di sottilizzare troppo sull’origine di ricche sponsorizzazioni. E così la rapida diffusione e le repentine capitalizzazioni (seppur virtuali) delle società inducono i club a chiudere un occhio verso un mercato giudicato particolarmente instabile. Di ricchi sponsor si sente particolarmente bisogno dal luglio 2018 quando, con l’entrata in vigore del Decreto Dignità da parte del governo Conte I, alle aziende operanti nel settore delle scommesse è vietato sponsorizzare club e atleti. Nel campionato 2017/2018 – l’ultimo in cui le società di scommesse hanno solcato i campi di calcio – erano 12 le squadre di Serie A con accordi di sponsorizzazione in corso con il comparto.

A lungo infatti il settore ha tenuto a galla il mondo del pallone, e non solo in Italia. Un report di Nielsen Sports – think tank del mondo dei media – ha stimato in 633 milioni di dollari gli investimenti riversati dalle società di giochi e lotterie nei sei principali campionati europei nel decennio 2008-2017. Da qualche parte, quindi, bisogna pur trovare fonti di ricavo alternative per far fronte ai debiti che stagione dopo stagione crescono, guidati in gran parte dal lievitare dei costi dei cartellini, degli stipendi e dai compensi elargiti ai potenti agenti sportivi. Sorprende quindi fino a un certo punto la sommaria due diligence da parte dei club, cioè la valutazione, della reale natura di uno sponsor e dei milioni che porta con sé. Ne sanno qualcosa il Manchester City e il Barcellona.

Il precedente: Il Manchester City e l’azienda fantasma
A metà novembre i Citizens avevano annunciato una nuova partnership con 3Key Technologies, misteriosa società nel mondo delle criptovalute. L’impossibilità di trovare alcun profilo reale delle persone alla guida della società ha scatenato una “caccia all’uomo” in rete, con migliaia di supporter del City impegnati a dare un volto al management. Tutto invano. I siti della 3Key Technologies sono andati misteriosamente offline per circa 18 ore dall’avvio della due diligence popolare. Gli unici nomi associati al personale della 3Key sono poi risultati finti, mentre la richiesta di provvedere alla pubblicazione di elementari documenti che provassero l’esistenza dell’azienda è andata inevasa. Quattro giorni dopo l’annuncio, il Manchester City ha quindi fatto un clamoroso passo indietro, dichiarando sospesa la partnership.

Il caso ha del paradossale ma offre la misura dei rischi che le società di calcio sono disposte a correre pur di incassare qualche milione di euro in sponsorizzazioni. E se a correrli al punto da firmare un accordo commerciale pressoché in bianco sono i campioni d’Inghilterra in carica nonché la sesta squadra più ricca d’Europa con entrate commerciali nel 2020 per 285 milioni di euro (dati Deloitte) c’è da domandarsi quale sia la natura delle partnership con società cripto in Italia.

«Il mio nuovo Shiba Inu si chiamerà Floki»

Floki Inu arriva sull’affollato mercato delle criptovalute nel giugno scorso. La sua nascita non deriva da un sofisticato piano imprenditoriale, ma da un semplice tweet di Elon Musk. «Il mio nuovo Shiba Inu si chiamerà Floki», scrive il fondatore di Tesla – il riferimento è alla razza di cane di origine giapponese – causando un piccolo terremoto nel mondo cripto.

Musk è una figura di culto nella comunità cripto dopo aver spinto – sempre a colpi di cinguettii – la vertiginosa crescita di Dogecoin, il capostipite dei meme coin. Creato nel 2013 per scherzo da due programmatori americani, Dogecoin è sopravvissuto per diversi anni solo all’interno di una ristrettissima nicchia. Poi, sull’onda di più ampi fenomeni speculativi sui mercati finanziari e del sostegno di vip come Musk, il valore della criptovaluta satirica è schizzato alle stelle: da 0,005 dollari registrato al 1 gennaio 2021 a un massimo di 0,72 dollari l’8 maggio successivo, con una crescita del 12.000%, secondo le stime di Cnbc. Più tardi nell’anno Dogecoin è comunque crollato, di circa il 70%, ma nel frattempo è nata una leggenda. I forum di Reddit e i canali Youtube dedicati al mondo cripto vengono inondati dalle storie di decine di personaggi che sostengono di essere diventati milionari grazie al meme coin. Tra gli adepti del mondo cripto parte una caccia frenetica alla prossima valuta satirica destinata al successo.

Tra le decine di monete spuntate come funghi immediatamente dopo il tweet di Musk c’è anche Floki Inu. Le informazioni disponibili sul progetto sono però scarne. Sviluppatori e promotori sono protetti da profili anonimi, con la sola eccezione del programmatore, Jackie Xu. Il white paper – documento che delinea le finalità della moneta – dice che «la missione di Floki è di diventare parte della famiglia dei dog token» e gli sviluppatori «sperano di creare una comunità positiva».

Le prime burrascose settimane di vita di Floki Inu

Nata intorno alla mitologia norrena – prima che del cane di Musk, Floki è il nome di un personaggio della serie Vikings – la criptovaluta ha dovuto affrontare gravi difficoltà fin dalle prime settimane, nelle quali si sono susseguite accuse di furto, litigi, riorganizzazioni e almeno due rug pull: truffe nelle quali gli sviluppatori drenano a loro vantaggio liquidità dal protocollo. Ma una narrazione epica della comunità, che si definisce come un’orda di vichinghi buoni il cui obiettivo è divertirsi nel mondo cripto, ha permesso di rafforzare la base anche nei momenti più difficili.

Come ogni epopea che si rispetti, c’è bisogno di un cattivo. Ed è così che il primo sviluppatore di Floki Inu diventa “the villain”, contro il quale la comunità ha dovuto lottare: «In stile Robin Hood al contrario, lo sviluppatore stava tassando i possessori del 20% sulle transazioni per incanalare i loro fondi nel suo portafoglio, tenendo questi fondi per il riscatto e facendo gonfiare velocemente l’offerta», ammette il team sul blog che ricostruisce i primi giorni di Floki Inu.

Anche questa vicenda finisce per consolidare l’immaginario di comunità che sostiene il meme coin dalla base: «I vichinghi di Floki sono stati implacabili e si sono radunati insieme, facendo pressione sullo sviluppatore affinché usasse questi fondi per il bene della comunità, ma alimentato dall’avidità, ha invece scelto di disfarsene», continuano nella loro narrazione: «La comunità è stata quindi lasciata con il corpo morente di Floki V1 (versione uno, ndr) con le sue metriche rotte e nessun leader in vista», prosegue la saga: «Ma sapevano che si poteva fare di più, non c’era modo di fermarli, non si sarebbero mai arresi e così inizia la vera storia…».

La strategia è di realizzare una versione 2 di Floki Inu, salvando la comunità che si era raccolta fin dalla prima ora a sostegno del progetto. Due nuovi rug pull – dall’inglese “tirare via il tappeto da sotto i piedi” di chi investe – caratterizzano le prime settimane di vita del meme coin, che per essere salvato riceve un’iniezione prima di 550 mila dollari dai fan e poi di 450 mila dollari dagli stessi amministratori, una volta costretto all’uscita l’ennesimo sviluppatore inaffidabile.

I raggiri non mettono la parola fine al progetto Floki Inu, come molti si sarebbero aspettati. Gli sviluppatori creano un nuovo contratto e modificano alcune specifiche tecniche per assicurare – a detta loro – che il progetto sia più solido e sicuro.

A parlare tramite Twitter è uno dei padri di Floki Inu, l’utente “B (Da Viking)”, che spiega di aver fatto implementare misure indispensabili per tutelare i vichinghi di Floki. Tra queste una liquidità bloccata per 265 anni – che impedisce agli sviluppatori di svuotare la cassa nella quale gli investitori mettono i propri soldi – e la corresponsabilità di tutti gli amministratori del team che devono essere concordi per operare sulla valuta. Contattato da IrpiMedia, “B” ha confermato che ora Floki Inu gode di caratteristiche di sicurezza nel pieno interesse degli investitori. Tuttavia, non è stato possibile sapere quanti wallet sono controllati da chi amministra Floki e a quanto ammonta il loro numero di token. In poche parole, non è possibile sapere se una sola persona o un piccolo gruppo avrebbero il potere di controllare le quotazioni della valuta in modo massivo.

“B” sostiene che gli sviluppatori di Floki Inu non hanno nessuna intenzione di vendere i propri token – incassando i guadagni – e che stanno facendo numerosi sacrifici per portare avanti il progetto.

Tra blogger nigeriani e scatole vuote in Georgia

«Chiunque potrebbe creare un meme token in qualsiasi momento e proporne l’acquisto», osserva Stefano Capaccioli, dottore commercialista e fondatore di Coinlex, società di consulenza e network di professionisti sulle criptovalute e soluzioni blockchain: «Ma l’intero mercato dei meme coin si compone di strumenti complicati, wallet e volatilità: tasselli di un puzzle estremamente complesso che non sempre è originato da persone competenti o in buona fede», osserva.

Per avere un’idea più precisa sull’affidabilità di Floki Inu, IrpiMedia ha provato a scavare un po’ più a fondo su chi ci sia realmente dietro questo progetto. L’unico nome reale che Floki Inu ha pubblicato è quello del lead developer Jackie Xu, ingegnere informatico con base in Olanda. A capo degli aspetti tecnologici, Xu sembra invece poco impegnato nella promozione di Floki al pubblico.

A trainare queste attività è una serie di profili Twitter in cui le reali identità sono nascoste da alias. Un membro del team di Floki spiega che questa è una scelta dettata dal fatto che nel mondo delle criptovalute «il focus non dovrebbe essere sulle singole persone, ma sulla comunità intera e sui processi tecnologici».

Un utente di nome “Sabre” si definisce “direttore marketing” di Floki Inu. Un presunto imprenditore di base a Londra, sarebbe stato lui a occuparsi delle sponsorizzazioni con le società di calcio. “Sabre” sostiene di voler mantenere l’anonimato perché non vuole la notorietà che ne deriverebbe.

Altro profilo particolarmente attivo è quello dell’utente “B Da Viking”, che si autodefinisce “stratega” di Floki Inu. IrpiMedia ha scoperto che dietro questo alias c’è un 27enne blogger e scrittore freelance nigeriano. Prima di dedicarsi a tempo pieno al mondo delle criptovalute, fino a febbraio scorso “B” (come è noto online) gestiva un sito web in cui dispensava consigli su come fare soldi tramite blogging e ghostwriting. «Ci sono sicuramente innumerevoli modi per fare soldi online ma scrivere per altri è uno dei metodi più remunerativi per fare un bel gruzzolo», si leggeva sulla pagina, ora rimossa. “B” sosteneva di guadagnare uno stipendio a sei cifre attraverso la propria attività. Sul suo sito era inoltre possibile acquistare un e-book, al prezzo di 29,99 dollari, con una guida per diventare uno scrittore freelance di successo.

Affianco alla carriera da blogger, il capo delle operazioni di Floki si era cimentato nell’allevamento di pesce gatto alle porte del suo paese natìo, con il quale progettava di «risolvere il problema della fame in Nigeria e in vari Paesi africani, e infine nel mondo». Ha aggiunto di non voler rivelare la propria identità perché teme per la propria incolumità fisica. «In Nigeria il pericolo di rapimento è molto elevato», spiega.

Il team di Floki ci tiene a precisare di essere un progetto votato alla decentralizzazione le cui operazioni si compiono quasi esclusivamente sulla blockchain. Quello è il futuro, sostengono loro. Ma, nel mondo di oggi, per finalizzare gli accordi pubblicitari si è resa necessaria la presenza di un’entità legale.

Un video promozionale della partnership tra Floki Inu e SSC Napoli | Fonte: Twitter

Così, i promotori di Floki hanno scelto di mettere radici in Georgia. Il Paese est-europeo è da anni diventato una destinazione preferita dei cripto-imprenditori attratti dalla bassa tassazione e da un regime regolatorio molto permissivo. Floki Ltd viene fondata lo scorso primo ottobre a Marneuli, cittadina da poco più di 20 mila abitanti situata al confine con Armenia e Azerbaigian. Nell’azienda non compaiono i membri della dirigenza di Floki. Ma l’unica amministratrice e azionista è una donna georgiana di 52 anni con nessuna apparente esperienza nel mondo finanziario.

“B” ha inizialmente spiegato che la proprietaria di Floki Ltd è una persona «collegata al management di Floki». Alla successiva domanda di IrpiMedia se la donna fosse una testa di legno che cura gli interessi dei reali beneficiari dell’azienda, “B” ha risposto: «Esatto, questo è il miglior modo di definirla».

La spinta mediatica di Floki Inu

Nella sua terza reincarnazione Floki si lancia in un’imponente campagna pubblicitaria. A finanziarla – dicono – è una tassa sugli acquisti della valuta da parte degli investitori. Una maggiore esposizione mediatica porta a più transazioni che a loro volta fanno lievitare il budget per le attività di marketing in un ciclo continuo.

Verso la fine di ottobre sui mezzi pubblici di diverse metropoli europee compaiono cartelloni con il messaggio “Ti sei perso Doge? Prendi Floki”. Un chiaro riferimento al meme coin originale, Dogecoin, e, ancora, alla fear of missing out, i presunti guadagni dovuti alla crescita del valore della moneta. Diventata presto virale, la campagna suscita controversie. A Londra, in seguito alla denuncia di un consigliere comunale, l’Advertising Standards Authority (l’equivalente britannica dell’Agcom) fa scattare un’indagine nei confronti dei messaggi pubblicitari. Floki Inu dichiara alla BBC di aver rispettato tutti i requisiti legali e sposta la propria attenzione su un nuovo fronte della campagna marketing: gli accordi con top club del calcio europeo.

Il 23 novembre il Napoli annuncia che Floki Inu diventa il nuovo sponsor sul retro della maglia azzurra. Il primo comunicato pubblicato dal club partenopeo cita un portavoce di Floki, secondo cui l’obiettivo è «di diventare la criptovaluta più conosciuta e più utilizzata al mondo». Il Napoli, invece, spiega di «aver scoperto che il nostro club e Floki hanno in comune gli stessi valori e le stesse aspirazioni di crescita». Quali siano i valori e le aspirazioni non è chiaro: il club ha declinato di rispondere a questa domanda, come alle altre poste da IrpiMedia. Nel frattempo, il comunicato è stato successivamente sostituito sul sito del Napoli da uno più stringato in cui i virgolettati sono scomparsi.

Lorenzo Insigne e Mario Rui durante la partita Napoli-Lazio del 28 novembre 2021 | Foto: BSR Agency/Getty

All’accordo con il club partenopeo si sono susseguite in breve tempo le sponsorizzazioni con il Bayer Leverkusen in Germania, il Twente in Olanda, lo Spartak Mosca in Russia e il Fenerbahce in Turchia. I promotori di Floki Inu celebrano ogni annuncio, esaltando l’esposizione mediatica che ne deriva. «La partnership strategica è una grande vittoria per il mondo crypto», dice Floki Inu in occasione dell’accordo con il Bayer Leverkusen, «perché introduce le criptovalute a milioni di persone nella Bundesliga e nell’Europa League, al contempo legittimando il settore agli occhi di centinaia di milioni di persone».

Per Boyle, professore di finanza derivata del King’s College, attraverso queste sponsorizzazioni i club espongono i propri tifosi a grossi rischi. «Credo che sia sbagliato spingere il proprio pubblico verso questi prodotti, soprattutto senza fornirgli informazioni adeguate», dice Boyle. «Promuovere un prodotto di investimento, in particolare uno speculativo e non convenzionale come una “nuova forma di denaro”, potrebbe mandare le persone in bancarotta».

IrpiMedia ha chiesto a Napoli, Bayer Leverkusen e Twente dettagli rispetto alle verifiche effettuate su Floki Inu prima di firmare i rispettivi accordi. Nicola Lombardo, addetto stampa del Napoli, ha dichiarato di non avere altro da aggiungere rispetto al comunicato stampa pubblicato sul sito. «Il comunicato è pienamente esaustivo. I dubbi sono suoi (degli autori, ndr)», ha aggiunto Lombardo. «E ricordo che in questa gestione societaria, il Napoli ha sempre fatto tutto quello che doveva fare nella massima correttezza». A IrpiMedia non sono pervenute risposte alle domande inviate al Bayer Leverkusen e al Twente.

CREDITI

Autori

Raffaele Angius
Lorenzo Bodrero
Matteo Civillini

Infografiche

Lorenzo Bodrero

Editing

Luca Rinaldi

Foto di copertina

Lorenzo Insigne e Mario Rui durante la partita Napoli-Lazio del 28 novembre 2021.
BSR Agency/Getty

Plusvalenze, il doping dei bilanci del calcio

#FuoriGioco

Plusvalenze, il doping dei bilanci del calcio

Lorenzo Bagnoli
Lorenzo Bodrero

Fu Antonio Giraudo, amministratore delegato della Juventus tra il 1994 e il 2006, a coniare il termine “doping amministrativo”. Definisce il sistema attraverso il quale le squadre di calcio gonfiano i prezzi a cui i calciatori vengono venduti, manipolando così alcune voci di bilancio per salvare conti che altrimenti sarebbero in rosso. Oggi come allora. In linea di massima, il meccanismo è piuttosto semplice. Il club che vende inserisce nel bilancio dell’anno corrente i ricavi generati dalla vendita di un calciatore. Le spese sostenute dal club acquirente per il medesimo calciatore sono invece rateizzate sui bilanci degli anni successivi. È questa la plusvalenza: la differenza, purché in positivo, tra il valore iscritto a bilancio di un calciatore e la cifra a cui poi è ceduto.

La plusvalenza può essere incrociata quando due club si scambiano uno o più giocatori alla stessa cifra. Non c’è reale movimento di denaro ma in questo modo i conti si aggiustano. E il sistema è tanto vantaggioso quanto maggiore è il “valore” del calciatore oggetto della transazione il quale, tuttavia, è stimato in base a fattori totalmente soggettivi. Non esiste infatti un modo univoco e obiettivo per valutarne il prezzo. Quest’ultimo è stabilito, solitamente, da chi vende e gonfiarlo è anche nell’interesse dell’acquirente, per questo motivo sono molto comuni intensi scambi di calciatori tra due stesse società in entrambe le direzioni.

In questo modo le società cercano di evitare il rischio di vedersi respinta l’iscrizione al campionato di calcio per i troppi debiti accumulati. Se non intervengono altre voci a rimpinguare pesantemente i ricavi dei club, alla lunga però il sistema esplode. Così è stato per gran parte degli anni Novanta, periodo d’oro del calcio italiano, quando la Serie A si fregiava dei più grandi campioni europei e sudamericani, con stipendi – e procuratori – pagati a peso d’oro.

Trucchi contabili

La formula “doping amministrativo” è diventata di dominio pubblico nel 2002, quando la procura di Torino ha rinviato a giudizio il presidente Giraudo e il medico sportivo della Juventus Gianluca Agricola per «frode sportiva» e «somministrazione di farmaci in modo pericoloso per la salute pubblica». Nel 2007 i due sono stati prescritti (dopo una condanna in primo grado e un’assoluzione in appello) dalle accuse di doping dei calciatori, mentre nel 2009 la dirigenza della Juve è stata assolta con formula piena dall’accusa di aver dopato i conti. Se il primo abuso fa capolino meno di frequente nelle cronache calcistiche più recenti, il secondo invece non è mai tramontato.

IrpiMedia è gratuito

Ogni donazione è indispensabile per lo sviluppo di IrpiMedia

Il 26 novembre scorso, l’attuale presidente della Juventus Andrea Agnelli, il vicepresidente Pavel Nedved e altri cinque dirigenti (ex e in carica) sono stati iscritti nel registro degli indagati dalla procura di Torino nell’ambito dell’operazione Prisma. I reati ipotizzati sono falso in bilancio e false fatturazioni. Secondo i magistrati, per tamponare i cronici bilanci in rosso, i dirigenti della Vecchia Signora utilizzavano fantasiose plusvalenze – dal valore di oltre 322 milioni di euro in tre anni – sulla compravendita di calciatori. Nel decreto di perquisizione si parla di «valori fraudolentemente maggiorati».

L’attenzione degli inquirenti si è concentrata sugli ultimi tre esercizi contabili e i numeri, se confermati, offrono l’immagine di un club in profonda crisi economica. Come riportato da Domani, i magistrati torinesi segnalano la differenza tra i bilanci ufficiali e quelli da loro stimati senza il ricorso alle plusvalenze incrociate: la perdita di esercizio, che si realizza quando i costi superano i ricavi, del 2019 è indicata a bilancio per quasi 40 milioni di euro contro i 171 milioni ipotizzati dai pm; nel 2020, quasi 90 milioni di euro contro 209; nel 2021, la perdita d’esercizio a bilancio sfiora i 210 milioni di euro invece dei 240 milioni stimati dai magistrati.

Juventus, Napoli, Genoa, Sampdoria ed Empoli (Serie A), Parma e Pisa (Serie B), Pro Vercelli e Pescara (Serie C), Novara (Serie D) e Chievo Verona (Terza Categoria) sono i club italiani coinvolti nell’indagine di Torino, più Barcellona, Manchester City, Lugano, Marsiglia, Basilea, Amiens e Lille

A sollevare dubbi circa la gestione economica della Juventus è stata per prima la Covisoc, la Commissione di vigilanza sulle società di calcio professionistiche della Federazione italiana giuoco calcio (Figc), la quale negli ultimi due anni ha identificato 42 operazioni sospette solo della Juventus su 62 totali. In tutto le società coinvolte sono 18: cinque di serie A (Juventus, Napoli, Genoa, Sampdoria ed Empoli); due di serie B (Parma e Pisa); due di serie C (Pro Vercelli e Pescara); una di serie D (Novara); sette straniere (Barcellona, Manchester City, Lugano, Marsiglia, Basilea, Amiens e Lille) e una in Terza Categoria, il Chievo Verona. Le plusvalenze sono tra le “sostanze vietate” dall’“antidoping amministrativo” perché fanno apparire in ordine anche i bilanci che non lo sono.

Il calcio, ma in generale nello sport professionistico in tutto il mondo, aiuta chi cerca soluzioni contabili ai suoi problemi di bilancio. L’ultimo caso riguarda Massimo Ferrero: il 6 dicembre l’ormai ex presidente della Sampdoria è stato arrestato per la bancarotta di quattro sue società e altri reati collegati alla loro gestione. La Samp è estranea, ma nell’indagine si scopre che Ferrero ha cercato di svuotare le sue società per coprire pesanti debiti. Ai futuri compratori resterà da estinguere un debito di 120 milioni quando invece all’acquisto, nel giugno 2014, Ferrero ha ereditato una squadra con 65 milioni di utile.

Il caso Ferrero

L’inchiesta della procura di Paola (Cosenza) che ha portato all’arresto il 6 dicembre scorso dell’ormai ex presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, non sembra coinvolgere in maniera diretta il club blucerchiato. Tuttavia la vicenda ha molto in comune con quelle che hanno coinvolto altri club negli ultimi trent’anni: dal Torino di Borsano al Parma di Tanzi, dalla Lazio di Cragnotti al Perugia di Gaucci e la Fiorentina di Cecchi Gori. Imprenditori solo all’apparenza solidi, auto-dichiaratisi portatori di nuova liquidità e intenzionati a rispolverare il prestigio sportivo del club che acquisiscono, si sono poi rivelati colmi di debiti o con lo Stato o con numerosi creditori privati. Le ragioni dietro il loro ingresso nell’industria del pallone nascondevano infatti la necessità di saldare quei debiti, con modalità che spieghiamo prima e dopo questo box, e di rilanciare i marchi associati alle loro attività imprenditoriali extra calcistiche. Riuscì a Berlusconi ma la stagione dei “presidenti-imprenditori” da lui inaugurata ha avuto più bassi che alti.

Ferrero è accusato di bancarotta fraudolenta, lo stesso capo di accusa che ha poi travolto Tanzi, Cragnotti e Borsano. «Adesso ho capito perché sta cercando di prendere i soldi dalla Sampdoria», diceva il commercialista di Ferrero, Gianluca Vidal, in una conversazione telefonica intercettata dagli inquirenti. Il riferimento è alla pesante crisi debitoria delle società Ellemme, Blu Cinematografica, Blu Line e Maestrale srl tutte amministrate da parenti e collaboratori stretti ma riconducibili al “er viperetta” quale amministratore di fatto. Ne avrebbe causato il dissesto economico distraendo fondi utilizzati per attività non attinenti alle imprese stesse. La Sampdoria, nelle valutazioni di Ferrero e dell’avvocato Francesco Cocola, è «l’unico asset di valore» nel portafoglio dell’imprenditore cinematografico, la cui messa in sicurezza ne avrebbe reso «più agevole la vendita e salvaguardarlo dall’eventuale aggressione da parte dei creditori», ha dichiarato l’avvocato alla figlia di Ferrero, Vanessa.

Gran parte dei crediti dovuti dalle società di Ferrero – oltre 70 milioni di euro su 120 – sono in mano a Hoist, colosso svedese specializzato nella gestione dei crediti in sofferenza. Per proteggere il club blucerchiato dai creditori di Ferrero era stato creato il trust Rosan, all’interno del quale erano state dirottate le quote della Sport Spettacolo Holding, la controllante del club blucerchiato. Quest’ultimo, in sostanza, rappresenta una garanzia di pagamento all’interno dei concordati avviati dall’ex patron doriano per evitare il fallimento di altre due sue aziende, la Farvem e la Eleven Finance.

Così fan tutti

Da oltre vent’anni, ogni volta che affiora un’inchiesta giudiziaria su qualche squadra, la replica d’ufficio prevede che marcio è il sistema, non un singolo club. Nel 2006 c’è stata Calciopoli, inchiesta incentrata su Luciano Moggi, potentissimo dirigente della Juve guidata da Giraudo, ritenuto il fulcro attorno al quale si appoggiava un’organizzazione a delinquere tesa a condizionare l’andamento del campionato, in primis attraverso le designazioni arbitrali. I reati sono stati prescritti dalla giustizia ordinaria, mentre quella sportiva – la Corte di giustizia federale della Figc – ha condannato i vertici juventini a cinque anni di radiazione da ogni società sportiva e la Juve a ripartire dalla serie B.

L’ex procuratore di Napoli Giovandomenico Lepore, che guidava il filone del processo Calciopoli per gli imputati che avevano scelto il rito abbreviato, intervenendo a giugno alla trasmissione Si gonfia la rete di Radio Marte, ha espresso rammarico per come è andata quella vicenda: «Le indagini dovevano riguardare tutte le squadre di Serie A, purtroppo invece ci fu un blitz negativo che fece uscire un volume con tutte le intercettazioni e fummo bloccati completamente». Il riferimento in particolare è alle anticipazioni de l’Espresso. Anche a Roma si indagava anche su Gea World, agenzia di procuratori del figlio di Moggi, Alessandro.

Nonostante i mille rivoli giudiziari e nonostante le società calcistiche coinvolte siano state – oltre alla Juve – anche Parma, Genoa, Sampdoria, Chievo Verona, Pescara e Napoli, nessuno ha mai provato a mettere sotto indagine l’industria nel suo complesso, a partire dalla sua gestione finanziaria. «Perché il calcio è questo qui», ha sentenziato Luciano Moggi a Report in una puntata andata in onda il 6 dicembre di quest’anno. Nella stessa intervista ha fatto riferimento al suo coinvolgimento nelle plusvalenze della Juventus, chiuso con un’archiviazione: «I capi del calcio – ha detto Moggi a Report – avevano chiesto alla Juventus di aiutare la Fiorentina che era in fallimento». È così che nel 2002 è stato comprato Emiliano Moretti, allo scopo di generare nei Viola delle entrate sulla carta senza che ci fosse in realtà un vero esborso di denaro.

Come i ricchi americani usano lo sport per evadere le tasse

Al di là dell’Oceano, più che una maschera sotto la quale nascondere i propri debiti, lo sport professionistico è impiegato di frequente come sistema per ottimizzare la tassazione degli ultraricchi. Unicorni per la contabilità, li definisce ProPublica, media statunitense di giornalismo investigativo non profit, che a giugno ha cominciato la serie The Secret IRS Files, un’inchiesta sulla tassazione dello 0,01% più ricco del Paese (l’IRS, Internal Revenue Service, è una sorta di Agenzia delle Entrate federale). Il lavoro si basa su una serie di documenti riservati che contengono le informazioni sulle tasse federali pagate dai più ricchi contribuenti americani.

Steve Ballmer, ex CEO di Microsoft, è il proprietario dei Los Angeles Clippers, la seconda squadra di basket cittadina, dal 2014. Ballmer, spiega ProPublica, gode di un’aliquota contributiva al 12% sul proprio reddito personale di un miliardo di dollari. In proporzione, paga meno tasse dei suoi giocatori o degli impiegati dello Staples Center, il palazzo dello sport losangelino. Merito della magia fiscale che l’IRS permette – legalmente – ai proprietari delle squadre professionistiche. Il prezzo di acquisto di una società sportiva viene infatti ammortizzato quasi interamente. In questo modo un super ricco può, anno dopo anno, ridurre il proprio imponibile fiscale. Considerare le squadre professionistiche un bene che perde di valore negli anni è un principio sbagliato, secondo ProPublica. I loro beni principali infatti sono diritti TV e contratti dei giocatori, che non deperiscono negli anni. Non possono quindi essere trattati come un’impresa qualsiasi.

Facendo i conti, Ballmer è riuscito a evitare di versare al fisco federale 140 milioni di euro. La legge americana prevede che una volta venduta la squadra, il contribuente restituisca quanto risparmiato all’IRS. C’è però una scappatoia, impiegata molto di frequente: il gettito dovuto può essere investito in altre attività a scopo di lucro. «È come un prestito a tasso zero da te, contribuente», commenta ProPublica.

Ballmer ovviamente è solo uno tra gli ultraricchi che ammortizzano la propria tassazione attraverso le proprietà di squadre professionistiche. Il modello americano è permeato dalla logica del facilitare l’impresa privata, ma secondo ProPublica il prezzo da pagare sono casse pubbliche sempre più povere, con tutto quello che ne consegue sul piano del welfare. In altri termini, i ricchi sono sempre più ricchi e i poveri sono sempre più poveri. E l’industria dello sport professionistico è solo l’ennesimo strumento per la conservazione delle disparità sociali.

Vent’anni di doping

Quando il termine “doping amministrativo” è stato coniato, erano già tante le squadre che ne facevano uso. La Lazio e il Parma hanno fatto scuola: gli scambi di calciatori tra le due società avevano mosso circa 400 miliardi di vecchie lire tra il 1998 e il 2004. Cifra astronomica per quei tempi e che in buona parte comprendeva il trasferimento dal Parma dell’attaccante argentino Hernan Crespo per 110 miliardi, segnando un record in quell’estate del 2000 (ma che non durò a lungo). In direzione opposta si mossero i centrocampisti Matias Almeyda e Sergio Conceiçao per, rispettivamente, 45 e 35 miliardi. Per pareggiare l’affare, alla squadra emiliana andarono dunque “solo” 30 miliardi di lire. Gli scambi tra i due club furono così frequenti che i tifosi allora coniarono l’espressione “Via Lattea”, un chiaro riferimento alle società Parmalat e Cirio guidate proprio da Calisto Tanzi (Parma) e Sergio Cragnotti (Lazio). In questa girandola di calciomercato rientravano anche i calciatori Diego Fuser, Juan Sebastian Veron, Nestor Sensini, Dino Baggio e altri.

Già da metà anni Novanta dentro e fuori i campi di gioco c’era una forte collaborazione tra Calisto Tanzi, patron del Parma e della Parmalat, e Sergio Cragnotti, patron di Lazio e Cirio.

Capitalia non era solo il quarto gruppo bancario italiano di fine millennio ma anche il pilastro su cui si reggeva – a suon di prestiti – il calcio italiano

Dopo i successi imprenditoriali a cavallo tra anni ‘80 e ‘90, Tanzi era oberato dai debiti ma la precaria situazione economica non gli impedì nel 1999 di acquistare da Cragnotti il ramo caseario Eurolat della Cirio per 765 miliardi di lire, una cifra ben superiore al reale valore dell’azienda. Il crollo imprenditoriale precedette quello sportivo. Calisto Tanzi fu condannato nel 2011 a 34 anni per aggiotaggio e bancarotta fraudolenta mentre bisognerà attendere il 2021 perché a Sergio Cragnotti vengano comminati 5 anni di carcere per bancarotta. Uomo chiave per le sorti dei due imprenditori, e non solo, era Cesare Geronzi, amministratore delegato di Capitalia, banchiere che ha scritto i destini del capitalismo italiano degli ultimi cinquant’anni. Il gruppo bancario non era solo la quarta società di credito italiana di fine millennio ma anche il pilastro su cui si reggeva il calcio italiano. Di fatto, teneva in piedi a suon di prestiti le attività imprenditoriali di Cecchi Gori (Fiorentina), Sergio Cragnotti (Lazio), Callisto Tanzi (Parma), Luciano Gaucci (Perugia), Franco Sensi (Roma) e Giorgio Corbelli (Napoli).

Vuoi fare una segnalazione?

Diventa una fonte. Con IrpiLeaks puoi comunicare con noi in sicurezza

La prima grande deflagrazione del sistema plusvalenze arriva alla fine della stagione 2001/2002. «Il pallone rotola in una crisi da 1.000 milioni» di lire, titolava il Corriere della Sera il 27 luglio 2002. Due club di Serie A (Lazio e Roma), sei di serie B e quindici di serie C erano oberati dai debiti a tal punto che mancavano dei requisiti per iscriversi ai rispettivi campionati. Da lì a pochi giorni la Fiorentina di Cecchi Gori sarebbe fallita, mentre per tutte le altre arrivava in soccorso dal governo Berlusconi il decreto “salva-calcio” il quale consentiva ai club di spalmare su dieci anni i debiti contratti dalla compravendita dei calciatori. Dal baratro si salvarono così Milan, Roma e Lazio. Il collasso del sistema travolse anche Capitalia (inglobata da Unicredit nel 2007) e Cesare Geronzi sarà coinvolto nei processi Parmalat e Cirio per le bancarotte delle quali verrà condannato rispettivamente a 5 e 4 anni di carcere.

Di quanto il “doping amministrativo” fosse sistemico, oltre che radicato ben dentro gli anni Novanta, lo si intuisce dalle parole di Victor Uckmar, presidente dal 1993 al 2001 del Covisoc, la commissione di vigilanza della Figc sui bilanci delle società di calcio, nonché tra i più apprezzati fiscalisti italiani di allora: «In otto anni – dichiarava al Corriere all’indomani del fallimento della Fiorentina – ho assistito a un lassismo crescente, a continue pressioni della Lega per salvaguardare certe squadre senza le quali il campionato sarebbe stato zoppo. Noi denunciavamo, ma la Federcalcio…».

«In otto anni ho assistito a un lassismo crescente, a continue pressioni della Lega per salvaguardare certe squadre senza le quali il campionato sarebbe stato zoppo. Noi denunciavamo, ma la Federcalcio…»

- Victor Uckmar, ex presidente del Covisoc

Quelle parole non caddero totalmente nel vuoto. Furono raccolte dalla magistratura che avviò accertamenti a tappeto su tutto il territorio nazionale a tutti i club di serie A, B e C. Almeno sette procure furono coinvolte ma con risultati scarsamente significativi. Accanto alla magistratura ordinaria, per il calcio si mosse anche la giustizia sportiva. I risultati, ancora una volta, arrivarono a fasi alterne. Il Chievo Verona ha sempre lamentato un eccessivo zelo nei suoi confronti, a differenza di altri più blasonati club della serie A.

Un sistema chiuso

La creatività finanziaria non coinvolge soltanto i calciatori di primo piano. È vero piuttosto il contrario: gli scambi più frequenti riguardano giovani professionisti e perfetti sconosciuti, noti ai soli addetti ai lavori e che svolgono un duplice ruolo: rintuzzare i bilanci senza attirare l’attenzione delle autorità competenti. Inoltre, più piccola la compagine e più probabile che i ritocchi ai conti tramite le plusvalenze siano comuni. Impossibile elencare qui tutti i club e tutti i calciatori coinvolti ma come abbiamo visto il sistema delle plusvalenze incrociate è prassi comune almeno fin dai primissimi anni Duemila: oltre vent’anni.

Se le sanzioni dal punto di vista sportivo, salvo rare eccezioni, sembrano quantomeno irrisorie, ancor meno impattanti sono i risultati dal punto di vista della giustizia ordinaria. Due sono i motivi alla base degli insuccessi giudiziari: da un lato, gonfiare le plusvalenze non costituisce reato, nel senso che non esistono parametri oggettivi per quantificare il valore di un calciatore; dall’altro, il reato di falso in bilancio è stato depenalizzato durante il governo Berlusconi proprio nel 2002. Per questi motivi vengono prosciolti Inter e Milan nel 2008 e nello stesso anno la Sampdoria paga un’ammenda di 36.000 euro mentre una multa da 400.000 ciascuna è comminata a Genoa, Udinese e Reggina. Per la Juventus, nel 2009, arriva l’assoluzione «perché il fatto non sussiste».

I riverberi del “doping amministrativo” causano invece un’ecatombe dal punto di vista sportivo: nel 2002 fallisce la Fiorentina, nel 2004 il Napoli, l’anno successivo la stessa sorte tocca a Perugia e Torino; il Parma entra in un vortice da cui ancora non si è ripreso, con la retrocessione nel 2008 e il fallimento nel 2015; nel 2018 tocca al Cesena e la scorsa estate è il Chievo a “scomparire”, per citare solo i casi più noti, mentre i debiti accumulati negli anni giocano un ruolo cruciale anche nei più recenti passaggi in mani straniere di Milan, Inter e Roma. Tra il 2013 e il 2018 si stima siano falliti almeno 38 club professionistici.

Fabio Paratici, Pavel Nedved, Andrea Agnelli, John Elkann e Federico Cherubini prima di un match all’Allianz Stadium a maggio 2021 – Foto: Chris Ricco/Getty Images

Quella del Chievo, inoltre, rimane a oggi l’unica sanzione sportiva comminata per plusvalenze irregolari: 3 punti di penalizzazione in classifica nella stagione 2018/2019. È evidente che una manciata di punti in meno e qualche decina di migliaia di euro di multa sono pene irrisorie per contrastare un fenomeno ormai insostenibile. Almeno fino all’ennesimo collasso o alla prossima legge salva-calcio.

Gabriele Volpi, tutto fuorché calcio

Nel 2010 l’allora presidente del Palermo Maurizio Zamparini è stato inibito dalla Commissione disciplinare della Figc per sei mesi per plusvalenze fittizie, mentre il collega – allora alla guida del Cagliari – Massimo Cellino è stato assolto. Il Palermo di Zamparini è fallito mentre le vicissitudini giudiziarie di Cellino si sono chiuse a suo favore. Almeno a Cagliari, mentre a Brescia, città di cui oggi presiede la società calcistica, è indagato per riciclaggio (la squadra non sembra coinvolta al momento). Come abbiamo raccontato su IrpiMedia, Cellino a Brescia ha preso un manager che viene dallo Spezia Calcio, gestione Gabriele Volpi. Con l’imprenditore italo-nigeriano Cellino condivide anche alcuni trust a schermo delle sue proprietà. Gabriele Volpi ha lasciato la presidenza dello Spezia Calcio a inizio 2021 e un mese dopo la squadra è stata multata dalla Fifa per le transazioni di giocatori minorenni provenienti dall’Accademia di calcio di Abuja – sempre nell’orbita Volpi – a due società di calcio dilettantistiche liguri e poi trasferiti allo Spezia, generando plusvalenze. Trasferimenti simili hanno riguardato anche il HNK Rijeka, società presieduta da Damir Miskovic, uomo d’affari croato a lungo partner di Volpi anche in Nigeria. Trasferimenti dalla Nigeria a Spezia e Rijeka erano già emersi nel 2018, ai tempi dell’inchiesta Football Leaks.

È del 2014 la più famosa plusvalenza in cui è stato coinvolto Gabriele Volpi: quella per Juan Iturbe, attaccante argentino naturalizzato paraguayano, passato dall’Hellas Verona, dopo riscossione della proprietà dal Porto, alla Roma per 22 milioni. A raccontare del ruolo di Volpi è stato l’Espresso, nel 2018: l’allora presidente dello Spezia era infatti proprietario del 20% del cartellino del giocatore attraverso delle società offshore. C’è un altro elemento: l’Hellas Verona era indebitata fino al collo con le società di Gabriele Volpi. Questa circostanza è emersa nel corso di un’indagine a carico del presidente dell’Hellas, Maurizio Setti, scattata nel maggio 2021 per appropriazione indebita e autoriciclaggio. Dal caso Iturbe in avanti, tra Volpi e Setti si è scatenata una guerra giudiziaria su diversi fronti: Lussemburgo, Genova e Bologna. In quest’ultimo caso, si attende il verdetto della Cassazione per stabilire se le società di Setti sono fallite oppure no.

Quest’insolubile intreccio di affari tra presidenti, direttori sportivi e procuratori rispecchia le considerazioni che Antonio Giraudo, all’epoca presidente della Juventus, fece durante Calciopoli agli ispettori della Figc. Venendo da un ambiente completamente diverso, diceva Giraudo, aveva dovuto «studiare il mondo del calcio». «Quello del calcio – sosteneva – è un mondo chiuso, composto nella sostanza da un numero ristretto di persone». Un piccolo universo diviso in galassie, ciascuna con i propri interessi che vanno ben al di là del rettangolo verde.

CREDITI

Autori

Lorenzo Bagnoli
Lorenzo Bodrero

Editing

Lorenzo Bagnoli

Foto di copertina

Roberto Bettega, Antonio Giraudo e Luciano Moggi, allora alla guida della Juventus, in una foto del 2004.
Alessandro Sabattini/Getty Images

Dalle privatizzazioni a Dazn, l’ascesa del “diversamente oligarca” Blavatnik

#FuoriGioco

Dalle privatizzazioni a Dazn, l’ascesa del “diversamente oligarca” Blavatnik

Lorenzo Bodrero

Non solo è uscito incolume dalla feroce battaglia per la privatizzazione dei principali colossi ex sovietici dell’energia dei primi anni Novanta. Ma anche straordinariamente ricco. A osservare quel periodo trent’anni più tardi, il capolavoro è stato però un altro: riuscire a smarcarsi da quell’alone di mistero e pregiudizio che circonda i grandi magnati russi – quelli che nelle cronache giornalistiche sono gli “oligarchi” – e diventare tra i più apprezzati imprenditori e filantropi dell’Occidente. Caso più unico che raro tra i facoltosi uomini d’affari di origine ex sovietica.

Len Blavatnik è, secondo Forbes, il 46esimo uomo più ricco al mondo ma non c’è dubbio che sia quello più invidiato tra gli oligarchi russi che, seppur ricchi quanto o più di lui, sono pressoché esclusi dal sistema finanziario occidentale per via delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea a partire dalla guerra in Crimea. Insomma, dove lui è riuscito, gli altri hanno fallito. Inclusi due dei suoi più vecchi soci in affari, protagonisti della scalata nei settori dell’alluminio e del petrolio che ha fruttato miliardi di dollari. E così, mentre a giugno 2017 Len Blavatnik veniva insignito del titolo di cavaliere della Regina Elisabetta II, meno di un anno dopo Oleg Deripaska e Viktor Vekselberg venivano inseriti nella lista di oligarchi sanzionati dagli Usa. Per Blavatnik, il cavalierato è stata la definitiva legittimazione all’interno dell’elite finanziaria europea nonché il compimento di un percorso lungo trent’anni fatto di scommesse imprenditoriali quasi sempre vinte su entrambe le sponde dell’Oceano Atlantico. Che prosegue grazie, anche, all’Italia, o meglio alla Lega Serie A che lo scorso 26 marzo ha assegnato alla piattaforma di streaming Dazn, una delle più recenti creature di Blavatnik, i diritti televisivi per la trasmissione delle partite di Serie A per il triennio 2021-2024 a fronte di un esborso di 840 milioni di euro all’anno, superando l’agguerrita concorrenza del colosso Sky.

Il Selvaggio Est

Classe ‘57, natìo di Odessa, oggi Ucraina ma all’epoca Unione Sovietica, Leonid Valentinovich Blavatnik si trasferisce da bambino con la famiglia a Yaroslav, storica città a nord di Mosca. Qui studia fino al liceo dove incontra Viktor Vekselberg, quello che diventerà uno dei signori dell’energia mondiale. A 21 anni si trasferisce poi a Brooklyn e negli anni successivi ottiene due master alla Columbia University e ad Harvard. Dopo sei anni dal suo arrivo in terra americana ne ottiene la cittadinanza e Leonid diventa “Leonard”. Poco dopo fonda la Access Industries, quella che da lì in poi sarà la holding e il braccio destro del suo futuro impero. È la fine degli anni ‘80 e i primi scricchiolii del crollo del Muro arrivano anche negli Stati Uniti. Dapprima riluttante, è il suo vecchio compagno di liceo a convincerlo a gettarsi nel caotico periodo di privatizzazioni dei colossi dell’industria sovietica.

Sono i mesi in cui Boris Eltsin avvia la vendita delle società statali: miniere, raffinerie e società estrattive dapprima intoccabili sono ora a portata di mano di chi ha capitale da investire e lo stomaco per superare una guerra senza esclusione di colpi in quelle che la storia ricorderà come “le guerre dell’alluminio” che secondo fonti ufficiose hanno causato un centinaio di vittime. «Ogni tre giorni qualcuno veniva ucciso», ha dichiarato nel 2011 un altro oligarca che proprio grazie all’alluminio è diventato uno degli uomini più ricchi della Russia, Roman Abramovich. Stava nascendo il “capitalismo di Stato” russo.

Costruisci con noi l’informazione che meriti!

Sostieni l’edizione 2021 di IrpiMedia

Dalle guerre dell’alluminio emergono vincitori anche Blavatnik e Vekselberg acquisendo quote azionarie nel settore delle fonderie. Ma capiscono ben presto che i soldi veri sono nel petrolio. E così, insieme a un imprenditore di origini ucraine, acquistano il 40% di TNK, un gigante del settore petrolifero in grosse difficoltà economiche. Poco dopo, il trio ne acquisisce le quote di maggioranza e va alla carica di Sidanco, concorrente di TNK e in parte controllata dalla British Petroleum (BP). La società viene “accompagnata” alla bancarotta e i suoi asset più redditizi vengono acquistati ben al di sotto del prezzo di mercato, a tal punto che nel 1999 un tribunale di New York accusa Blavatnik e i suoi soci di “furto” ai danni di Sidanco. Le accuse vengono però fatte cadere quando viene decisa la fusione delle due società. Le trattative che portano alla joint venture tra TNK e BP sono oggetto delle attenzioni dell’ambasciata americana a Mosca. In un cablogramma pubblicato da Wikileaks, l’allora ambasciatore americano riporta gli esiti di un incontro con l’amministratore delegato di BP. Quest’ultimo definisce i negoziati con la controparte russa «unilaterali» ma «pur sempre meglio di una guerra aperta e della spoliazione dei beni della società» prima in corso. Alle trattative prendono parte anche Vekselberg e Blavatnik. Quest’ultimo, nel discutere la ripartizione dei dividendi da incassare in vista della fusione, risulta «disperatamente bisognoso di contanti per far fronte alla crisi finanziaria [globale, ndr]».

Le buone notizie per Blavatnik proseguono nel 2003 quando la BP mette sul tavolo otto miliardi di dollari per formare la TNK-BP in quello che diventerà il terzo produttore di petrolio in Russia. L’operazione, secondo il Financial Times, fruttò a Blavatnik due miliardi di dollari.

L’impero Warner Music

Il capitale accumulato rappresenta l’inizio della “separazione” dall’amico e socio in affari Viktor Vekselberg. Permette infatti a Leonard Blavatnik di diversificare il portfolio di investimenti ma soprattutto di prendere dimora nel cuore di Londra, allora come adesso centro finanziario dell’Europa, e di diventare parte integrante dell’elite londinese.

Nel 2010, attraverso la sua Access Industries, acquisisce per 1,8 miliardi di dollari la LyondellBasell, gigante statunitense in crisi del settore chimico. Quattro anni più tardi l’azienda ha più che quintuplicato il proprio valore, incoronando l’imprenditore di origini ucraine come l’artefice del più grande affare nella storia di Wall Street. L’entrata nel mondo dell’intrattenimento di Blavatnik arriva nel 2011 con l’acquisizione della Warner Music per 3,3 miliardi di dollari.

L’acquisto nel 2011 della Warner Music è tanto audace quanto vincente. Non solo si rileva remunerativa ma contribuisce ad allargare il solco che lo separa dagli altri oligarchi russi

La scelta è tanto audace quanto in controtendenza rispetto ai settori di investimento dei suoi ricchi connazionali. Sono anni in cui le vendite globali dell’industria musicale sono ai minimi storici, in piena transizione verso lo streaming e in un settore dominato dalla pirateria. Ma la scelta paga, sia dal punto di vista economico sia da quello reputazionale: otto anni più tardi, a giugno 2020, la Warner Music viene quotata sul Nasdaq e oggi vale circa 20 miliardi di dollari, quasi sei volte il valore al momento dell’acquisto. Nel 2013 Blavatnik vende le proprie quote in TNK-BP per 7 miliardi di dollari.

#FuoriGioco

Ma quanto del percorso professionale di Leonid Blavatnik è ascrivibile al suo istinto per gli affari e quanto, invece, a una precisa strategia di reputation washing per penetrare il capitalismo americano ed europeo?

Le strade dei due storici amici, Blavatnik e Vekselberg, ormai corrono parallele senza più incrociarsi e sono la diretta conseguenza di due modi opposti di presentarsi alla società. Mentre Vekselberg è a Mosca a districarsi tra la politica russa e i giganti dell’energia, Blavatnik si divide tra Londra e New York scegliendo un più basso profilo senza mai venire direttamente coinvolto con gli uomini del Cremlino. Una strategia che si dimostra vincente per fare breccia nella classe dirigente londinese, ancora più efficace a seguito di generose donazioni in ambito culturale e accademico sia nella City sia a New York. Nella sola Inghilterra dona 75 milioni di sterline all’Università di Oxford per la creazione della Blavatnik School of Government nel 2010, 50 milioni vanno al complesso museale Tate mentre altri 200 milioni di sterline finiscono alla Harvard Medical School. La sua generosità, combinata a una cura maniacale della privacy che lo tiene lontano dai riflettori, gli vale il cavalierato per servizi alla filantropia nel 2017.

L’ombra lunga del Russiagate

Se i primi anni ‘90, periodo in cui Blavatnik si guadagna l’ingresso nella ristretta cerchia di miliardari di origine sovietica, sono ancora circondati da un alone di mistero lo stesso si può dire degli anni più recenti. Quelli che ruotano intorno al quadriennio della presidenza Trump.

Leonard Blavatnik, un uomo per due mondi

Le donazioni riconducibili al miliardario di origini ucraini ai partiti Repubblicano e Democratico. Sono incluse le donazioni personali, della moglie e quelle tramite la Access Industries Inc, holding finanziaria del magnate

Non è un mistero che, negli anni, le sue donazioni alla politica americana siano state bipartisan. Le sue preferenze sono però in netto favore del partito Repubblicano. Utilizzando i dati disponibili su opensecrets.org – portale della Ong americana Center for Responsive Politics (CRP) che traccia le donazioni ai partiti e ai politici Usa – IrpiMedia ha infatti calcolato che dal 1996 a oggi Blavatnik ha donato 7,5 milioni di dollari al gruppo conservatore, contro i 1,9 milioni destinati al partito Democratico. La differenza si fa ancor più marcata durante la campagna presidenziale di Donald Trump: dal 16 giugno 2015 al 19 gennaio 2017 – periodo che comprende la corsa alla Casa Bianca di The Donald – finiscono nelle tasche repubblicane circa 5,3 milioni di dollari contro i 250 mila dollari donati ai democratici. Questa generosità gli ha garantito un posto a tavola a una delle cene di gala che precedeva la cerimonia di inaugurazione di Donald Trump e alla quale ha partecipato anche Viktor Vekselberg. I rapporti con il 45° presidente degli Stati Uniti sembrano però saldarsi ben prima di quella cena.

Makan Delrahim era il vice procuratore generale della divisione antitrust del Dipartimento di Giustizia americano, nominato direttamente da Trump. Ancor prima, tra gennaio e settembre del 2017, aveva ricoperto il ruolo di vice consigliere di The Donald. David Bernhardt è invece stato l’equivalente del vice ministro degli Interni dell’amministrazione Trump. Due uomini che sembrano avere in comune soltanto dei buoni rapporti col tycoon americano. E invece no, c’è dell’altro. Un documento visionato da IrpiMedia mostra infatti che i due nel biennio 2011-2012 sono stati registrati come lobbisti proprio per conto di Access Industries, la grande multinazionale di Blavatnik. Un dettaglio che non è passato inosservato agli occhi della giustizia americana, ancora impegnata a far luce sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali del 2016 e a chiarire i legami di Trump e dei suoi uomini con la Russia nell’ambito del Russiagate.

Amici e rivali a Londongrad

Secondo l’ultima classifica di Forbes in Gran Bretagna, Len Blavatnik è l’imprenditore più ricco del Regno Unito. A Londra ha acquistato il titolo nobiliare di “sir” nel 2017, grazie alle laute donazioni museali e alla sua incessante attività filantropica. L’imprenditore – ebreo di nascita – ha scelto Londra dopo gli studi negli Stati Uniti, dove già aveva ottenuto la cittadinanza. Prima di arrivare sulle sponde del Tamigi, si è fermato in Russia durante gli anni delle “guerre dell’alluminio”, la privatizzazione del comparto industriale che gli ha permesso, insieme a Vekselberg, Abramovich e Deripaska, di diventare tanto ricco. Si è trasferito a Londra nel 2005, negli anni in cui la capitale inglese si trasformava in Londongrad, un’enclave per gli imprenditori russi alla conquista dei mercati europei. Erano gli inizi degli anni Duemila.

Sono tanti i protagonisti delle guerre dell’alluminio e della privatizzazione del settore petrolifero che hanno trovato casa nella capitale britannica. Tra questi il più famoso è Roman Abramovich, che nel 2003 si è comprato anche il Chelsea, una delle sei squadre londinesi che giocano in Premier League. Come riporta la giornalista Catherine Belton nel libro Gli uomini di Putin, diverse fonti indicano l’acquisto del Chelsea come un’operazione orchestrata direttamente dal Cremlino, un modo per infiltrarsi in una delle industrie più amate al mondo, quella del calcio. Rumor del genere non hanno mai riguardato Blavatnik, per quanto il modo in cui si è mosso, per certi versi, ricordi quello del rivale. C’è però una differenza fondamentale: mentre Abramovich all’inizio dell’epoca di Putin è stato governatore nelle remote regioni del nord est della Russia, Blavatnik dal 1978 è stato più tempo all’estero che in Russia. Come per altro ha ricordato un portavoce di Blavatnik a Bloomberg, il magnate non è mai stato indicato come “oligarca” nelle diverse liste pubblicate dagli Stati Uniti, né è mai finito sotto sanzione.

Con la nascita di Londongrad, Londra è diventata il secondo campo di battaglia delle guerre tra oligarchi più o meno vicini al Cremlino. È dove risiede Boris Mints, magnate ormai decaduto, che a Mosca è stato arrestato in absentia per appropriazione indebita. Oppure Mikhail Khodorkovsky, un tempo proprietario di Yukos. L’oligarca è stato spogliato delle proprietà dopo essere diventato un nemico politico per Putin e da Londra, ogni tanto, continua a dire la sua su come funziona il potere a Mosca.

Altri nomi di imprenditori russi di casa a Londra sempre presenti nella lista Forbes dei più ricchi del mondo sono Oleg Deripaska, un tempo amico e poi rivale di Abramovich, anche lui imprenditore del settore metallurgico; Mikhail Fridman, socio di Vekselberg e Blavatnik nella joint venture TNK-BP e Alisher Usmanov, imprenditore nato in Uzbekistan proprietario del Facebook russo – VKontakte – e cittadino onorario del piccolo comune sardo di Arzachena, dove possiede una villa.

Le strade di Blavatnik e del suo vecchio compagno di liceo si separano ancor più nell’aprile 2018 quando il Tesoro americano lancia il secondo round di sanzioni contro la Russia che colpiscono, tra gli altri, anche Oleg Deripaska e Viktor Vekselberg, per “attività maligna” nei confronti degli Stati Uniti. Nel documento si legge di un passato professionale dei due soci non propriamente impeccabile: mentre il primo è stato accusato di riciclaggio di denaro, di aver intercettato illegalmente ufficiali governativi e di aver minacciato di morte alcuni suoi rivali in affari, nel 2016 l’azienda di Vekselberg si è vista arrestare due dei suoi manager principali per aver corrotto dei pubblici ufficiali.

La partita dei diritti TV

Con sede negli Usa, oggi Access Industries è un colosso del capitalismo a stelle strisce. Nel suo portfolio sono incluse partecipazioni nei settori petrolchimico, immobiliare, dell’intrattenimento e tecnologico. Nel 2007 fonda Dazn Group, società per la distribuzione online di contenuti sportivi. La crescita è lenta ma costante e, come per tutte le creature di Blavatnik, si rivela vincente: dagli esordi in Austria, Germania, Svizzera e Giappone oggi la piattaforma distribuisce contenuti sportivi in 30 Paesi.

Storico dei ricavi per dititti televisivi della Figc

I ricavi per la vendita dei diritti televisivi e radiofonici della Figc dalla stagione 2007-2008 alla 2018-2019

Valori in €/miliardi

A partire dalla stagione calcistica 2021/2022 e per tre anni il campionato di Serie A per la prima volta sarà trasmesso interamente in streaming. Con sette partite in esclusiva ogni giornata e altre tre in condivisione con un altro operatore ancora da individuare più tutta la Serie B in esclusiva, Dazn verserà nelle casse della Lega Serie A un totale di oltre 2,5 miliardi di euro in tre anni. Ossigeno puro per il maggiore campionato di calcio nel quale la vendita dei diritti per la trasmissione televisiva dei match costituisce la principale fonte di entrata (40%) per i club.

CREDITI

Autori

Lorenzo Bodrero

Infografiche

Lorenzo Bodrero

Editing

Lorenzo Bagnoli

L’industria del calcio

L’industria del calcio

#FuoriGioco

L’appeal romantico dello sport più seguito al mondo è stato ormai soppiantato da un business che solo in Italia nel 2019 ha fatturato 5 miliardi di euro. Dalla dimensione locale in cui la proprietà dei club e il bacino di tifosi erano individuabili all’interno del contesto geografico di appartenenza, oggi le società di calcio hanno sedi registrate in paradisi fiscali per mettere al riparo gli utili e i dividendi dal Fisco e in cui spesso è impossibile risalire ai reali beneficiari. Un’evoluzione al contrario che ha portato a cambiamenti epocali: prima la “sentenza Bosman”, che ha aperto le porte alla libera circolazione di calciatori stranieri e ha avviato l’iperbole dei prezzi dei giocatori e dei loro stipendi; l’arrivo degli agenti sportivi, acceleratori di costi ormai fuori controllo; l’entrata in gioco delle pay-tv, foriere di introiti per la trasmissione delle partite inimmaginabili prima, e competizioni sempre più numerose e sempre più ricche. In mezzo, gli atleti che, seppur ricchi, devono tenere il ritmo e portare il proprio corpo al limite per non cedere alla concorrenza o, peggio, all’oblio sportivo.

Il calcio è ormai un vero e proprio strumento finanziario e come tale accoglie al suo interno giochi di potere e conflitti di interesse. Quelli dei “super agenti” ma anche dei club più influenti e di imprenditori dal vizio per l’evasione fiscale e il riciclaggio di denaro. Non ne è immune l’organo di controllo globale, la Fifa, travolta dagli scandali nel 2015 e ancora incapace di rifarsi una reputazione.

Prima del Covid, l’indebitamento complessivo del calcio italiano ha raggiunto 4,6 miliardi di euro (9,3% rispetto alla stagione precedente) e meglio non va nel resto d’Europa. Per porvi rimedio, gli stakeholder del settore sembrano perseguire una strada opposta a quella della logica: più competizioni, più partite e quindi più introiti in quella che sembra più un’accelerazione verso il precipizio che una sosta per riflettere.

Con #FuoriGioco, IrpiMedia intende accendere i riflettori sugli angoli bui e i giochi di potere del mondo del pallone.

Vuoi fare una segnalazione?

Diventa una fonte. Con IrpiLeaks puoi comunicare con noi in sicurezza

Calcio e criptomonete: l’abbuffata della Serie A

Calcio e criptomonete: l’abbuffata della Serie A

Crescono le sponsorizzazioni delle monete digitali per i club di mezza Europa, ma tra società anonime e segnalazioni delle autorità di vigilanza il settore cripto è una giungla di rischi: il caso Napoli e Floki Inu

Plusvalenze, il doping dei bilanci del calcio

Plusvalenze, il doping dei bilanci del calcio

Da 20 anni i bilanci delle società calcistiche sono drogati da accorgimenti contabili. Oggi come allora, lo scandalo comincia dalla Juventus. Ma le squadre coinvolte sono tantissime, in ogni categoria

Super-agenti, i veri padroni del calcio mondiale

Super-agenti, i veri padroni del calcio mondiale

Rappresentano tutte le parti, in pieno conflitto di interessi. Gli inquirenti li indagano spesso ma restano intoccabili. Un report commissionato dall’Uefa ammette: sono fuori controllo

Football Leaks in tribunale

Football Leaks in tribunale

Hacker o whistleblower? Rui Pinto, che con Football Leaks aveva scoperchiato i segreti del calcio, è oggi a processo ma la collaborazione avviata con le autorità può aprire squarci giudiziari che vanno ben oltre il calcio

Cosa succede adesso con Football Leaks

Cosa succede adesso con Football Leaks

Un 26enne portoghese ha rivelato al mondo i segreti del calcio mondiale. Oggi è a un passo dall’essere estradato in Portogallo per accuse di estorsione e di accesso illecito a informazioni confidenziali

CREDITI

Autori

Raffaele Angius
Lorenzo Bodrero
Francesco Caremani
Matteo Civillini
Michele Luppi
Giulio Rubino

Infografiche & Mappe

Lorenzo Bodrero

Editing

Lorenzo Bagnoli

Foto di copertina