APPROFONDIMENTI

Marocco, la sala d’aspetto dell’Europa

Marocco, la sala d’aspetto dell’Europa

I migranti subsahariani sono come Sisifo, costretti a ripetere la fatica del viaggio all’infinito, proprio a un passo dalla meta. Vite sospese tra Tangeri, Nador e Beni Mellal

Il circolo del potere intorno al Forte Village

Il circolo del potere intorno al Forte Village

Sono russi i principali imprenditori del turismo sull’isola. Il loro ingresso nella proprietà del resort è stato preceduto da 2 milioni di euro dalla Russia, di cui però non si conosce l’origine

Migranti in Grecia: geopolitica, violenze e fake news

Migranti in Grecia: geopolitica, violenze e fake news

Lungo il confine con la Turchia, migliaia di migranti cercano di entrare nell’Unione europea. Erdoğan li usa come leva di un negoziato tutto politico. E intorno si costruiscono campagne di propaganda

Nelle viscere dell’Aspromonte

Nelle viscere dell’Aspromonte

Cronache dal fronte caldo del contrasto alla ‘ndrangheta: nella Locride tra crepe e sogni di una terra bellissima e desolata

Sulla rotta mortale del Mediterraneo centrale

Sulla rotta mortale del Mediterraneo centrale

A luglio 2019 quasi un migrante su dieci è morto durante l’attraversamento del Mediterraneo centrale. Tutto ciò mentre il numero degli sbarchi è in diminuzione da anni

Cosa succede adesso con Football Leaks

Cosa succede adesso con Football Leaks

Un 26enne portoghese ha rivelato al mondo i segreti del calcio mondiale. Oggi è a un passo dall’essere estradato in Portogallo per accuse di estorsione e di accesso illecito a informazioni confidenziali

IrpiMedia è gratuito

Ogni donazione è indispensabile per lo sviluppo di IrpiMedia

Leggi anche

The Daphne Project

L’omicidio della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia ha segnato un punto di svolta nella storia dell’isola. 45 giornalisti da 18 Paesi nel mondo hanno proseguito il suo lavoro

A tutto gas. La Sardegna (e l’Europa) a un bivio

In Sardegna si scontrano due modelli di sviluppo energetico diametralmente opposti. Uno basato sulle rinnovabili, l’altro sui gasdotti, e le lobby del petrolio premono per il secondo