L’export dei software di sorveglianza fra triangolazioni e opacità

Senza rivedere la filiera autorizzativa su licenze ed esportazioni dei beni a doppio uso il sistema rischia di essere obsoleto e i casi Myanmar si moltiplicheranno

15 Giugno 2021 | di Luca Rinaldi

La vicenda riportata ieri, 14 giugno, da IrpiMedia nell’ambito di una inchiesta internazionale sull’export di tecnologia a doppio uso (beni che possono essere utilizzati sia a scopo civile, sia militare) riapre, o dovrebbe riaprire, un dibattito rimasto sopito da ormai un decennio: come è possibile che beni di questo tipo finiscano da Paesi dell’Unione europea a Paesi inseriti nelle blacklist internazionali perché ritenuti autoritari, come lo è oggi il Myanmar?

Il materiale venduto riguarda in sostanza tecnologie di tracciamento e mappatura per il monitoraggio delle comunicazioni. Software che possono localizzare e in molti casi osservare il contenuto di telefoni cellulari e dispositivi connessi alla rete. Applicazioni con cui oggi si combatte, nei Paesi autoritari, la guerra al dissenso politico. Sono queste le applicazioni che permettono a eserciti o gruppi paramilitari di localizzare manifestanti, attivisti, giornalisti e dissidenti andandoli a stanare per reprimere le rivolte nel sangue, come testimoniano gli 805 morti in Myanmar dall’inizio dell’anno.

L’inchiesta

Myanmar, lo Stato di sorveglianza che aggira l’embargo dell’Ue

Il blocco europeo vieta l’export di beni dual use e altre tecnologie in quanto possibili strumenti di repressione. Documenti dei ministeri birmani però mettono in dubbio che sia stato rispettato

Dalla guerra civile in Siria in poi la vendita di questa tipologia di software a Paesi nella lista nera dell’Unione europea è un tema ricorrente, anche perché a costituire la base legale di tali transazioni commerciali c’è il trattato di Wassenaar. Quaranta Paesi a partire dal 2011 si accollano il controllo del movimento di questa tipologia di beni validi sia per scopi civili sia per scopi militari per la prevenzione della proliferazione di materiali potenzialmente pericolosi. Non a caso nel trattato a fianco a una lista riguardante munizioni e oggetti con chiari scopi militari ce n’è una al cui interno ricadono proprio i sistemi elettronici e le applicazioni di cui abbiamo scritto.

Il problema nel corso di questo decennio sono state però non le vendite dirette a Paesi in lista nera da parte dei produttori europei, ma le triangolazioni. Un esempio: un produttore italiano vende tecnologia dual-use a un Paese in cui è autorizzata a farlo e quest’ultimo funge di fatto da intermediario rivendendo il prodotto a un Paese che per l’Unione europea è sotto embargo (e dunque non potrebbe ricevere il prodotto direttamente dall’Italia), ma non lo è per il Paese che ha originariamente acquistato il bene dall’Italia.

Le tecnologie digitali dual-use

Per tecnologie digitali dual-use si intendono quelle tecnologie che possono essere usate sia per scopi civili sia militari. Alcuni esempi di tecnologie dual-use sono quelle che permettono di intercettare le comunicazioni telefoniche, gli spyware che possono intrufolarsi negli smartphone, ma anche tecnologie per eludere la cifratura e le password utilizzate per proteggere i dispositivi da occhi indiscreti. In molti di questi casi, queste tecnologie possono sfruttare i cosiddetti zero-days, ovvero vulnerabilità dei software di cui neppure il produttore è a conoscenza. Non tutte le tecnologie digitali sono beni dual-use ma questo non vuol dire che ci siano minori rischi di abusarne.

Questo è in sostanza ciò che è accaduto nel caso del Myanmar con la italiana SecurCube. Non risultano infatti nei report annuali pubblicati dal governo sull’export di armamenti licenze rilasciate per l’esportazione verso il Myanmar negli ultimi due anni. Tracciare la vendita è sicuramente complicato e probabilmente una richiesta di maggiore responsabilizzazione in capo ai venditori pare essere sacrosanta, ma allo stesso tempo non si può fingere che i meccanismi di controllo istituzionali messi in campo da governi e Unione europea siano sufficienti e soprattutto attuali.

Ci sarà occasione a livello politico di tornare sul tema nelle prossime settimane quando, come annunciato ieri, 14 giugno, il deputato Filippo Sensi presenterà una interrogazione parlamentare sulla vicenda che abbiamo riportato. Una riflessione quanto mai necessaria viste le “armi spuntate” del controllo delle licenze all’interno delle triangolazioni. Non c’è una ricetta per risolvere un problema di tale portata, soprattutto in tema di software, ma la presa di coscienza che rivedere la filiera di controllo (oggi in mano all’Unità per le autorizzazioni dei materiali di armamento [UAMA] del Ministero degli Esteri) deve essere un tema all’ordine del giorno dell’agenda politica sarebbe già un grande passo avanti.

In ultimo si pone poi un grande tema di trasparenza applicata a macchia di leopardo in tutta l’Unione europea. Una quota di Paesi, tra cui l’Italia, avvolge di segretezza l’intero mercato ritenendolo tout-court ricompreso nel perimetro della sicurezza nazionale, con qualche lamentela perfino di produttori e venditori, altri che invece rendono disponibili i dati sulle licenze di esportazione completamente aperte al pubblico. Pur agendo all’interno di un quadro legale comune e comunitario le applicazioni della stessa normativa sono disomogenee. Una disomogeneità che crea opacità.

Editing: Lorenzo Bagnoli | Foto: Mathew Schwartz/Unsplash

IrpiMedia è gratuito

Ogni donazione è indispensabile per lo sviluppo di IrpiMedia

LEGGI ANCHE
Usura: il Covid-19 non ha frenato il business

Usura: il Covid-19 non ha frenato il business

La pandemia non ha allentato il cappio dell’usura. Le organizzazioni criminali hanno modellato le loro strategie sulla disperazione delle persone. Su Roma, le istituzioni lanciano l’allarme

I broker della cocaina

I broker della cocaina

El viejo è un ex logista della cocaina. Era lui a fare in modo che tonnellate di polvere bianca in partenza dal Sud America raggiungessero l’Europa. Fino alla condanna a 17 anni di carcere

Share via
Copy link
Powered by Social Snap