#RussianAssetTracker

Un intricato gruppo di società legate a Bank Rossiya riunisce asset da miliardi di dollari collegati a Putin
Un dominio e-mail non visibile al pubblico - LLCInvest.ru - è l’indizio che ha aiutato a svelare un gruppo di società interconnesse che possiedono palazzi, resort, yacht, jet e ricchi conti bancari
20 Giugno 2022

Di Olesya Shmagun (OCCRP)
Denis Dmitriev (Meduza)
Miranda Patrucic (OCCRP)
Ilya Lozovsky (OCCRP)

Igiornalisti di tutto il mondo hanno cercato per anni di scoprire quali siano i beni privati di Vladimir Putin. Il presidente russo, che coltiva un immagine pubblica di sobrietà e patriottismo, è stato indicato come il possibile proprietario di tutta una serie di proprietà lussuose, tra cui un vasto palazzo sul Mar Nero, ettari di vigneti circostanti, una stazione sciistica e una villa a nord di San Pietroburgo. Ma mettere in collegamento diretto tali asset con Putin attraverso documenti inconfutabili è stato finora impossibile. Spesso infatti, amici intimi e altri soggetti della sua cerchia privata hanno assorbito il colpo al posto suo, rivendicando la proprietà di tali beni in risposta alle inchieste giornalistiche e non.

Infatti, il palazzo sul Mar Nero sarebbe in realtà del vecchio amico ed ex compagno di judo Arkady Rotenberg, i vigneti circostanti sono divisi tra altri due soci di Putin, la villa a nord di San Pietroburgo invece appartiene a Sergei Rudnov, figlio di un altro vecchio amico morto nel 2015.

L'inchiesta in breve
  • I reporter hanno scoperto decine di società interconnesse legate a Bank Rossiya che utilizzano il dominio LLCInvest.ru.
  • Esse detengono beni per un valore di almeno 4,5 miliardi di dollari. Molti di questi asset, tra cui un imponente palazzo sul Mar Nero, sono stati collegati a Putin in precedenti indagini, ma finora non si sapeva che fossero collegati tra loro.
  • Sebbene le società operino in ambiti molto diversi, le email trapelate mostrano alcuni dipendenti discutere di affari comuni tra le aziende, come se facessero parte di un unico sistema.
  • Le società hanno diversi proprietari, tra cui ricchi banchieri e oligarchi, ma anche figli di amici di Putin e persino la sua presunta amante.
  • «Il gruppo assomiglia a una cooperativa o a un’associazione, in cui i membri possono scambiarsi benefici e proprietà», afferma un esperto di corruzione in Russia.

Ma tutti questi beni, apparentemente di proprietà di persone scollegate, hanno qualcosa in comune: sono tutti intestati ad aziende, e le aziende in questione sono collegate tra loro da un’infrastruttura tecnica di sottofondo visibile solo tramite il suo dominio email: LLCInvest.ru.

Tutti i beni più importanti che sono stati pubblicamente attribuiti a Putin condividono questo legame. Ma le società “LLCInvest” non si limitano ai beni già associati a Putin in passato, detengono infatti decine di altre proprietà e asset di valore. Molte di queste sono associate a Bank Rossiya, un istituto di credito ampiamente noto in Russia come “la banca di Putin”.

Il nome di LLCInvest.ru è apparso per la prima volta in un’inchiesta nel 2017 del settimanale russo Sobesednik, che ha scoperto come venisse utilizzato da una rete di associazioni no-profit fondate da persone vicine a Putin. Seguendo questo indizio, OCCRP e Meduza hanno scoperto decine di altre aziende e associazioni i cui affiliati utilizzano indirizzi email connessi su questo dominio.

Il dominio LLCInvest.ru è ospitato sui server di una società di informatica chiamata Moskomsvyaz, strettamente legata a Bank Rossiya. L’anno scorso una fonte anonima ha fatto trapelare un’ampia quantità di metadati delle e-mail di Moskomsvyaz, rivelando che dirigenti, proprietari e dipendenti che usavano il dominio LLCInvest, per aziende apparentemente scollegate, comunicavano tra loro in maniera confidenziale, come ci si aspetterebbe da persone che lavorano nello stesso ambiente.

Bank Rossiya

Pochi anni dopo l’elezione di Putin a presidente nel 2000, la banca, fino ad allora poco conosciuta, ha iniziato ad accumulare un impero commerciale con interessi nei media, nelle telecomunicazioni, nel settore immobiliare e nel turismo. I Panama Papers hanno dimostrato i suoi numerosi legami con schemi finanziari che coinvolgono amici e alleati di Putin, mentre gli Stati Uniti hanno sottolineato i legami di Bank Rossiya con i collaboratori stretti di Putin quando hanno sanzionato la banca nel 2014.

Un’altro “leak” di notizie riservate visto da OCCRP contiene altre prove del fatto che le società su LLCInvest lavorino insieme. Infatti le mail dell’impresa edile che ha costruito una villa a nord-ovest di San Pietroburgo, chiamata dai locali “la dacha (cottage) di Putin”, mostrano che tre diverse società LLCInvest possiedono diversi appezzamenti di terreno intorno al complesso, mentre una quarta – un ONG russa apparentemente dedicata alla “rinascita delle tradizioni marine” – ne ha gestito la costruzione.

«L’unica spiegazione possibile è che queste aziende siano unite da un sistema di gestione comune», ha dichiarato un esperto di corruzione in Russia che ha esaminato i risultati di OCCRP (ne è stato omesso il nome poiché il coinvolgimento con OCCRP, considerato “indesiderabile” dalle autorità russe, può ora comportare severe conseguenze legali, tra cui il carcere). Molti dei proprietari delle società che usano LLCInvest provengono da una cerchia di amici e collaboratori che si sono riuniti intorno a Putin quando era un alto funzionario a San Pietroburgo negli anni Novanta.
«La LLCInvest assomiglia molto a una cooperativa, o a un’associazione, i cui membri possono scambiarsi benefici e proprietà», conclude l’esperto russo.

In totale, i giornalisti hanno identificato 80 società e associazioni che sembrano far parte di questa rete. Insieme, detengono beni per un valore di almeno 4,5 miliardi di dollari, fra jet, ville, yacht e ricchi conti bancari. Tutte le società sono interconnesse e condividono gli stessi direttori aziendali, gli stessi indirizzi di registrazione e gli stessi collaboratori.

Alcune di esse appartengono direttamente a Bank Rossiya, mentre altre appartengono ai membri del consiglio di amministrazione o agli azionisti della banca, tra cui il miliardario Yuri Kovalchuk e la presunta amante di Putin, Svetlana Krivonogikh.
Circa 18 società, a prima vista, sembrano non avere alcun legame con la banca, ma in realtà sono di proprietà di dipendenti della banca di livello inferiore. La maggior parte delle altre società LLCInvest appartengono invece ad amici e collaboratori di Putin, come Rotenberg e Rudnov.

Nel tentativo di capire di più sulla struttura di LLCInvest, i giornalisti hanno inviato email a oltre 100 indirizzi di posta elettronica di LLCInvest scoperti nel corso di questa indagine, compresi i direttori e gli azionisti della società. Alcuni dei contatti hanno inviato risposte automatiche di indisponibilità, mentre gli altri, come mostrato da un tracker di email, hanno aperto il messaggio senza poi rispondere.

I giornalisti hanno anche contattato telefonicamente cinque rappresentanti delle società su LLCInvest. Quattro hanno riagganciato senza fornire commenti.

L’ultimo, un uomo che appare come direttore di quattro diverse società, ha confermato di utilizzare un indirizzo LLCinvest.ru che gli sarebbe stato assegnato dopo l’assunzione, ma ha detto di non sapere chi fosse il proprietario delle società. «Sono un umile dipendente e mi faccio gli affari miei. Firmo solo documenti», ha detto. «Sapete che a volte i senzatetto sono registrati come amministratori di una società? Io non sono un senzatetto, ma firmo i documenti come fanno loro, senza entrare nei dettagli».

Moskomsvyaz, l’azienda che ospita il dominio LLCIvest, non ha risposto alle nostre domande, così come Bank Rossiya. Una serie di domande dettagliate sono anche state inviate all’ufficio stampa del Cremlino, la risposta è stata che «il presidente della Federazione Russa non è collegato né affiliato in alcun modo con nessuno degli asset e delle organizzazioni che menzionate».

Il palazzo da 18.000 metri quadrati e 69 ettari di terreno che si affaccia sul Mar Nero è stato più volte associato a Vladimir Putin. Tra gli altri, il legame tra la residenza e l'attuale presidente russo è stato confermato dal whistleblower Sergey Kolesnikov e dal leader dell'opposizione, attualmente in carcere, Alexey Navalny - Foto: palace.navalny.com

Il palazzo da 18.000 metri quadrati e 69 ettari di terreno che si affaccia sul Mar Nero è stato più volte associato a Vladimir Putin. Tra gli altri, il legame tra la residenza e l’attuale presidente russo è stato confermato dal whistleblower Sergey Kolesnikov e dal leader dell’opposizione, attualmente in carcere, Alexey Navalny – Foto: palace.navalny.com

Non si sa molto delle società su LLCInvest. Non è chiaro se rappresentino una sorta di holding informale o se semplicemente condividano infrastrutture tecniche. Anche l’ampiezza reale dell’universo LLCInvest è ignota, e le 80 società identificate rappresentano una stima prudente. Ma seppur incompleti, i dati offrono un quadro di come Bank Rossiya colleghi fra loro beni e altri asset miliardari, tutti provenienti dalla cerchia ristretta di Putin.

Ville, yacht e contanti

Nella repubblica russa settentrionale della Carelia, sulle rive del Golfo di Finlandia, si trova una villa in mattoni nota come Villa Sellgren. Progettata da un celebre architetto finlandese prima della rivoluzione russa, è stata utilizzata per girare ai tempi dell’URSS un amato film su Sherlock Holmes.

Nel 2017, la villa torna famosa quando il canale televisivo indipendente Dozhd, citando fonti dell’amministrazione locale e residenti del luogo, ha riferito che era diventata una meta vacanziera per Putin. Dozhd ha anche scoperto che la villa era di proprietà di Rudnov, figlio di un vecchio amico di Putin.

Rudnov, insieme al direttore della società di cui è proprietario, la Sever, utilizza un indirizzo email LLCInvest. Come dimostrano le email ottenute, la proprietà è gestita da una persona che non ha alcun legame con Sever, un uomo di nome Pavel Zaitsev che però possiede diverse società nella rete LLCInvest.

Ma le ricerche non si fermano a Villa Sellgren. Quasi tutte le altre proprietà che precedenti indagini giornalistiche hanno associato a Putin, compreso il palazzo sul Mar Nero, sono di proprietà di una società dell’universo LLCInvest. Tra queste vi sono la stazione sciistica di Igora, dove la figlia del presidente russo ha celebrato il suo matrimonio, diverse case per le vacanze presumibilmente utilizzate da Putin e una casa, in un’area benestante vicino a Mosca, un tempo appartenuta alla figlia di Putin e al marito.

Villa Sellgren sorge su una piccola penisola in Finlandia dove, secondo i residenti, Putin si reca per periodi di relax. Appartiene alla società Sever, detenuta al 99% da Sergei Rudnov e al 1% da Svetlana Kondrichina - Foto: navalny.com
Villa Sellgren sorge su una piccola penisola in Finlandia dove, secondo i residenti, Putin si reca per periodi di relax. Appartiene alla società Sever, detenuta al 99% da Sergei Rudnov e al 1% da Svetlana Kondrichina – Foto: navalny.com

Le società della rete possiedono anche diversi yacht di lusso, due dei quali sono stati avvistati mentre compivano viaggi tra diverse proprietà collegate a Putin. Un terzo è invece di proprietà della sua presunta amante, Krivonogikh.

Secondo i registri doganali, gli yacht appartenenti alle società LLCInvest trascorrono spesso l’inverno in un rimessaggio vicino alla città finlandese di Kotka, non lontano da San Pietroburgo. Si tratta della stessa struttura in cui è stato recentemente scoperto dai giornalisti finlandesi lo yacht Fotinia, che si ritiene appartenere all’ex presidente e primo ministro Dmitry Medvedev.

Inoltre è stato scoperto che il rimessaggio stesso ha un legame con gli amici di Putin: Dmitry Gorelov, ex azionista di Bank Rossiya che avrebbe contribuito a finanziare la costruzione del palazzo di Putin sul Mar Nero, ha concesso un prestito senza interessi alla società che lo possiede. Ma la lista non si ferma a yacht e case per le vacanze: gli ultimi documenti disponibili mostrano che le entità LLCInvest detengono oltre mezzo miliardo di dollari in contanti nei loro conti.

Le organizzazioni non profit dentro LLCInvest e i loro conti milionari

Ci sono una manciata di associazioni no-profit che utilizzano il dominio LLCInvest, e sono apparentemente dedicate a cause come la “rinascita delle tradizioni marine”, lo “sviluppo di iniziative agricole” o lo “sviluppo della tradizione dell’aviazione russa”.
Eppure nessuna di queste sembra spendere più di una somma simbolica per progetti correlati, non si riesce a trovare alcun documento pubblico sul loro lavoro. I loro resoconti finanziari mostrano che i costi amministrativi occupano la maggior parte delle spese, anche se molti di loro hanno avuto, in alcuni momenti, enormi quantità di denaro sul loro conto.

Development of Agrarian Initiatives, una no-profit co-fondata dal multimiliardario Gennady Timchenko e da Vladimir Kolbin, figlio di un amico d’infanzia di Putin, aveva 17 miliardi di rubli (222 milioni di dollari) nei suoi conti di deposito alla fine del 2020. Ciò equivale alla metà del bilancio annuale di Kazan, una delle città più grandi della Russia.

Un’altra società no-profit fondata da Timchenko e Kolbin, dal nome di Development of an Effective Investment Market (Sviluppo di un mercato d’investimento efficace), alla fine del 2020 deteneva oltre 20 miliardi di rubli (262 milioni di dollari) in depositi a lungo termine e quasi 5 miliardi di rubli (65 milioni di dollari) in depositi a breve termine.

Sebbene non sia un’organizzazione no-profit, anche un’altra organizzazione LLCInvest, Venture Investment Company, di proprietà di Bank Rossiya e uno dei manager della banca, rientra nel gruppo di aziende che possiedono una quantità apparentemente inspiegabile di contanti nei suoi libri contabili. Una volta ottenuto un prestito di 7,8 miliardi di rubli (102 milioni di dollari) da una fonte sconosciuta, ha versato la somma sui suoi conti di deposito. L’interesse che la società paga sul prestito è inferiore a quello che guadagna sui suoi depositi. Questo è l’unico “investimento di capitale” che la società ha mai intrapreso.

«Area di volo: il mondo intero!»

Le società LLCInvest sono per lo più aziende private con poca rilevanza pubblica, semi-sconosciute e dalle attività poco chiare. Fa eccezione una di queste: Russair. Sebbene utilizzi la stessa infrastruttura tecnica delle altre, ha un sito web funzionante che pubblicizza una serie di servizi legati all’aviazione civile. Descrivendosi come una società “in sviluppo dinamico”, Russair offre voli charter organizzabili in qualsiasi momento, notte o giorno che sia. «Area di volo: il mondo intero!», proclama il sito web.

Ma quando un giornalista di OCCRP ha chiamato la compagnia per prenotare un volo charter, la donna che ha risposto non sembrava desiderosa di concludere l’affare. Si è rifiutata di rispondere a domande sui servizi di Russair e ha chiesto di inviare tutte le domande per email. Un email a cui non è mai arrivata risposta.

In realtà, i registri dell’agenzia russa per l’aviazione civile mostrano che Russair avrebbe serie difficoltà a offrire charter o altro a clienti veri. Infatti non possiede alcun aereo per trasporto passeggeri, ma solo due elicotteri registrati per il trasporto commerciale. Possiede anche altri quattro elicotteri e due jet privati Falcon 7X, ma sono registrati per uso privato, non possono legalmente trasportare terze persone.

Una serie di indizi, però, suggerisce che Russair potrebbe essere legata a Putin.
Secondo il sito di monitoraggio voli FlightRadar, gli aerei della compagnia volano tra San Pietroburgo, la Crimea e la città turistica di Gelendzhik, sul Mar Nero. Queste aree ospitano alcuni dei beni più significativi legati a Putin e detenuti dalle società LLCInvest.

L’aereo più costoso della flotta Russair, del valore di 3 miliardi di rubli (quasi 40 milioni di dollari) è un Falcon 7X nuovo con il numero di coda RA-09009. Lo stesso numero era stato utilizzato in passato da un altro Falcon 7X appartenuto all’amministrazione presidenziale. I dati di FlightRadar sembrano confermare le affermazioni di diverse fonti del settore secondo cui Russair trasporta passeggeri di alto profilo protetti dal Servizio di sicurezza federale. In diverse occasioni, infatti, il suo Falcon 7X ha volato con il numero di volo RSD09009.

Secondo il sistema internazionale dei codici delle compagnie aeree, le lettere RSD si riferiscono allo Special Flight Detachment, una compagnia aerea di Stato che trasporta il presidente e alti funzionari. Secondo fonti del settore, questo codice indica che il volo trasportava passeggeri particolarmente protetti. Solo Putin e altri sette alti funzionari hanno diritto a tale protezione, anche se il presidente può decidere di concederla ad altri.

A poca distanza dal palazzo sul Mar Nero sono presenti 200 ettari di vigneti, una residenza e una spa riconducibili all'organizzazione no-profit di cui Gennady Timchenko è co-proprietario - Foto: palace.navalny.com

A poca distanza dal palazzo sul Mar Nero sono presenti 200 ettari di vigneti, una residenza e una spa riconducibili all’organizzazione no-profit di cui Gennady Timchenko è co-proprietario – Foto: palace.navalny.com

Nonostante operi il coordinamento di tutti questi voli, i registri contabili della Russair mostrano che in realtà la società non possieda nessuno degli aerei che gestisce, ma sarebbero invece tutti noleggiati a una compagnia assicurativa chiamata Sogaz, di proprietà del gigante statale del gas Gazprom fino alla sua vendita nel 2004 a strutture affiliate proprio a Bank Rossiya, all’epoca poco conosciuta.

Gli investimenti

Sebbene le società LLCInvest possiedano palazzi, residenze e yacht che sembrano essere beni privati, molte di esse sembrano funzionare più come veicoli di investimento, e possiedono importanti partecipazioni in aziende reali. Alcune di queste imprese sono da tempo note per essere legate a Bank Rossiya. Altre appartengono a un gruppo apparentemente eterogeneo di proprietari che, finora, non avevano alcun legame evidente con la banca o tra loro.

Uno degli investimenti più consistenti viene da una società LLCInvest chiamata Altituda.

Nel 2019 Altituda ha ricevuto una quota del 51% di una società chiamata Rusgazdobycha con asset pari a 25 miliardi di rubli (380 milioni di dollari). La quota sembra essere stata trasferita dal vecchio amico di Putin, Arkady Rotenberg, che in precedenza aveva detenuto Rusgazdobycha attraverso complesse strutture societarie con sede in Russia e a Cipro.

Un altro stretto alleato di Putin, Gennady Timchenko, ha anche lui trasferito importanti investimenti a due società che sembrano avere legami con l’universo LLCInvest.

Nel 2017, Timchenko ha trasferito la sua quota del 17% del gigante petrolchimico Siburdel a una società della rete LLCInvest chiamata Delta. L’anno successivo ha trasferito una quota del 23% dell’azienda del gas Novatek a un’altra associata alla stessa rete, la Ena-Invest. Queste partecipazioni hanno un valore di ben 800 miliardi di rubli (10 miliardi di dollari), più del doppio del valore di tutti gli altri asset detenuti dalle società LLCInvest messe insieme. Tuttavia, il legame fra Delta ed Ena-Invest con LLCInvest è meno forte, quindi i giornalisti non hanno incluso questa cifra nel conteggio totale degli asset.

Né Timchenko né Rotenberg hanno risposto alle domande di OCCRP.

Come si connettono DELTA e ENA-INVEST alla rete

I reporter non hanno conteggiato Delta o Ena-Invest come società LLCInvest piché i loro direttori apparentemente non utilizzano gli indirizzi LLCInvest.ru. Tuttavia, entrambe le aziende hanno collegamenti visibili con le società LLCInvest. I domini di entrambe le compagnie sono stati registrati sui server di Moskomsvyaz contemporaneamente alla registrazione di Yuzhny Proekt, una delle principali società della rete LLCInvest. Entrambe sono dirette da Leonty Ivanov, che in passato ha gestito la costruzione di un centro congressi a San Pietroburgo accanto alla residenza ufficiale di Putin. Secondo i media, il centro congressi è stato finanziato da Bank Rossiya.

I giornalisti non sono riusciti a trovare l’indirizzo email LLCIinvest.ru utilizzato da Ivanov, ma le email rinvenute mostrano come utilizzi un indirizzo email associato a una società LLCInvest chiamata Malakhit.

I messaggi mostrano che lo utilizza per comunicare con le persone che utilizzano il dominio LLCInvest.ru e che è coinvolto nei progetti commerciali di LLCInvest. Ad esempio, ha ricevuto regolarmente rapporti sull’Igora Hotel e su una catena di hotel boutique di proprietà di una società LLCInvest. Entrambe le attività rientrano nel gruppo Bank Rossiya e sono detenute da strutture LLCInvest.

Vecchi schemi e nuovi timori

La struttura di LLCInvest sembra una versione più segreta e meno formale di una raccontata 10 anni fa da Sergey Kolesnikov, un uomo d’affari fuggito dalla Russia dopo aver rivelato tutta una serie di attività illecite in cui era coinvolto personalmente. In una lettera aperta, Kolesnikov aveva descritto uno schema di corruzione che aveva ideato lui stesso per consentire a un gruppo di oligarchi russi di mettere insieme miliardi di rubli in una sorta di “fondo di investimento” a beneficio di Putin, che all’epoca ricopriva la carica di primo ministro.

Secondo Kolesnikov, il denaro era stato sottratto a un progetto di beneficenza per l’acquisto di attrezzature mediche per gli ospedali russi. È stato poi convogliato in una società chiamata Rosinvest che avrebbe dovuto investirlo in imprese russe sotto la supervisione di Putin. Ma Putin diede presto istruzioni al gruppo di cancellare i progetti commerciali e di destinare il denaro alla costruzione di un lussuoso palazzo sul Mar Nero, evidentemente a suo uso e consumo. Kolesnikov, frustrato, fuggì dalla Russia e raccontò tutto.

Rosinvest è stata sciolta dopo le rivelazioni di Kolesnikov e da allora non si è saputo più nulla di come Putin e i suoi amici gestiscano i loro beni.

L’esperto di anticorruzione che ha incontrato OCCRP ha affermato che la struttura di LLCInvest ha alcune somiglianze chiave con Rosinvest, ma è meno centralizzata – quindi non così vulnerabile a un’altra fuga di notizie.

«Il sistema usato in LLCInvest riduce la possibilità che un “nuovo Kolesnikov” possa svelarlo, poiché non c’è un front office, un punto di unione per tutte queste attività», ha affermato.

Ciò è indirettamente confermato dal direttore della società su LLCInvest intervistato da OCCRP. Ha dichiarato di non essere a conoscenza – e di non essere nemmeno interessato – al significato di LLCInvest, o se ci siano altre società collegate alla sua.

«Se la mia società facesse parte di una grande holding, non lo saprei», ha detto. Un altro esperto, un consulente finanziario russo, ha affermato che, anche mettendo da parte la questione di chi sia il vero proprietario delle attività detenute dal sistema LLCInvest, potrebbe essere illegale nascondere il legame di Bank Rossiya con molte di esse.

La registrazione di attività sotto dipendenti di basso profilo o altri proxy è una tecnica che le banche russe hanno utilizzato per aggirare le restrizioni sulla concessione di prestiti a parti affiliate. «Decine di banche sono state punite per queste pratiche con la revoca delle loro licenze da parte della Banca Centrale», ha detto.

Nel caso di Bank Rossiya, però, nascondere i veri proprietari dei suoi beni potrebbe servire gli interessi di alcune delle persone più potenti del Paese. I giornalisti hanno parlato con un ex funzionario del Tesoro americano che ha lavorato per l’OFAC, l’ufficio che applica le sanzioni finanziarie. Dopo aver esaminato le loro scoperte, ha descritto la struttura di LLCInvest come «estremamente sospetta». «È difficile trovare una spiegazione innocente per le cose che descrivete», ha affermato. «Data la voce diffusa che Bank Rossiya sia il luogo in cui Putin e i suoi compari detengono i loro beni, la questione è molto preoccupante sul piano giuridico».

Molti degli oligarchi collegati alle società LLCInvest, così come la stessa Bank Rossiya, sono infatti già stati sanzionati dagli Stati Uniti e dall’Unione europea. «Non farei ipotesi su chi sia il proprietario finale di questi beni, ma ci sono chiari indicatori di uno schema di evasione delle sanzioni», conclude l’ex funzionario.

L’esperto di corruzione russa ha aggiunto che anche solo l’opacità di alcune delle holding di LLCInvest dovrebbe essere motivo di attivare maggiori controlli. Per combattere il riciclaggio di denaro, molte società e banche dovrebbero conoscere il vero beneficiario dei beni che trattano. «Sistemi del genere, fatti per nascondere la reale proprietà di beni, connessi inoltre a persone politicamente influenti, indicano un rischio molto alto di corruzione e riciclaggio di denaro», ha affermato. «Stabilire il vero proprietario beneficiario [di un bene] è una parte fondamentale delle pratiche antiriciclaggio».

CREDITI

Autori

Di Olesya Shmagun (OCCRP)
Denis Dmitriev (Meduza)
Miranda Patrucic (OCCRP)
Ilya Lozovsky (OCCRP)

Traduzione e adattamento

Fabio Papetti

Editing

Giulio Rubino

Foto di copertina

James O’Brien (OCCRP)

Copy link
Powered by Social Snap