The Daphne Project
L’omicidio della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia ha segnato un punto di svolta nella storia dell’isola. 45 giornalisti da 18 Paesi nel mondo hanno proseguito il suo lavoro

#DaphneProject

Daphne Caruana Galizia è stata uccisa con un’autobomba il 16 ottobre 2017 di fronte alla sua casa di Bidnija, a Malta. Aveva un blog seguitissimo, Running Commentary, ed era la coscienza dell’isola. Denunciava già da anni come Malta fosse ormai fuorilegge, un buco nero in mezzo al Mediterraneo, un feudo nelle mani di corrotti e criminali. Sotto il governo laburista di Joseph Muscat, Malta è diventata la “Singapore del Mediterraneo”, il paradiso di ogni investitore. Dal gioco d’azzardo alla vendita dei passaporti, dalle società offshore mai dichiarate dai governanti all’approvvigionamento del gas sull’isola. Tutte piste che Caruana Galizia aveva cominciato a seguire, senza avere il tempo di portare a termine le sue indagini.

Ad aprile 2018 è uscito il primo pezzo di The Daphne Project, inchiesta collaborativa ancora in corso a cui partecipano 18 testate.

Da allora l’isola ha un nuovo premier, Robert Abela, e una società civile più vigile, che chiede rinnovamento.

Dal processo in corso per l’omicidio della giornalista è emerso anche il nome di un famoso imprenditore, Yorgen Fenech, come presunto mandante dell’omicidio. Mano a mano che l’inchiesta avanza, affiorano omertà, connivenze e affari sporchi che riguardano alcune delle personalità più influenti dell’isola.

Per il Daphne Project, Irpi si è occupata soprattutto del mondo di sotto a cui appartengono i contrabbandieri che operano tra l’isola, la Libia e l’Italia. Da questo milieu, infatti, provengono anche i presunti killer di Daphne. Questo filone d’inchiesta si è poi sviluppato fino ad abbracciare una rete di trafficanti mediterranea, che ha in Hurd’s Bank, la secca a largo di Malta, uno dei suoi principali luoghi di ritrovo.

Gli intoccabili, la bomba e la mafia

Gli intoccabili, la bomba e la mafia

C’è un gruppo di criminali a Malta, i Maksar, che gestisce i traffici più redditizi e può vantare contatti con cosa nostra. Secondo testimonianze inedite hanno fornito la bomba che ha ucciso la giornalista Daphne

Le nuove piste del caso Daphne

Le nuove piste del caso Daphne

Tre anni dopo l’omicidio della giornalista maltese, numerosi indizi puntano a un potente uomo d’affari come mandante, Yorgen Fenech. Quest’ultimo nega ogni coinvolgimento, ma nuovi elementi rivelati dal Daphne Project, mettono in discussione la sua versione

Vuoi fare una segnalazione?

Diventa una fonte. Con IrpiLeaks puoi comunicare con noi in sicurezza

Malta, il paradiso dei trafficanti

Malta, il paradiso dei trafficanti

Dietro l’omicidio di Daphne Caruana Galizia si è mosso un sistema criminale che va dal traffico di gasolio alla criminalità organizzata e si muove in una zona d’ombra ricca di complicità

CREDITI

Autori

Cecilia Anesi
Lorenzo Bagnoli
Matteo Civillini
Giulio Rubino

In partnership con

Foto

Forbidden Stories
Copy link
Powered by Social Snap