La giungla del food delivery tra precarietà, algoritmi opachi, discriminazioni e violazioni della privacy