‘Ndrangheta in Sardegna
Un progetto coprodotto da IrpiMedia e dalla testata sarda d’inchiesta Indip, che svela la decennale presenza della 'ndrangheta in Sardegna, diventata un polo strategico per gli affari delle cosche

#NdranghetaInSardegna

Per anni si è creduto che la Sardegna godesse di una speciale immunità nei confronti della criminalità organizzata, in particolare la ‘ndrangheta, che da Sud a Nord Italia ha intensificato traffici e affari rafforzando una posizione rilevantissima nel crimine internazionale. Eppure proprio sull’isola, negli ultimi venticinque anni, le cosche della Locride hanno coltivato rapporti privilegiati, stretto mani e contribuito a stabilire un asse del narcotraffico tra i più efficaci e preziosi. Marijuana in cambio di cocaina, soldi in cambio di armi, legami familiari in cambio di lealtà incondizionata.

Così la criminalità sarda è diventata «un mercato nel quale entrare, con la propria organizzazione e struttura logistica, per la vendita di sostanze stupefacenti e dove espandere i propri commerci illeciti, sia individuando nuovi canali di smercio sia iniziando ad effettuare importazioni di rilevanti quantitativi, creando quindi una nuova “rete” di affari”», scriveva la Direzione investigativa antimafia in una relazione al Parlamento del 2021.

Ma neppure i sardi si sono accorti della presenza della ‘ndrangheta in Sardegna. La vulgata è che «non chiederesti mai il pizzo a un sardo», come si suole ripetere dalla Barbagia al Campidano quando se ne parla. E difatti non è questo il caso. La ‘ndrangheta sull’isola arriva su invito e qui si sente a casa, per assonanza d’intenti e radici.

Un’alleanza criminale ormai solidissima che unisce due mondi del crimine molto diversi eppure legati da un filo, quello di venire da regioni poverissime in cui la pastorizia è spesso l’unica attività possibile e in cui, fortissimo, si sente un vuoto: l’assenza dello Stato.

La transumanza della polvere bianca

La transumanza della polvere bianca

Un matrimonio lega dei narcotrafficanti sardi al cuore della Locride, San Luca, da più di 40 anni. Un patto che ha garantito cocaina purissima alla Sardegna e che, dal 2019, faceva base tra gli ovili dell’isola

Vuoi fare una segnalazione?

Diventa una fonte. Con IrpiLeaks puoi comunicare con noi in sicurezza

Il (verde) granaio di Roma

Il (verde) granaio di Roma

Un’inchiesta di IrpiMedia e Indip svela l’alleanza tra ‘ndrangheta e criminalità sarda che ha fatto dell’isola il principale produttore di marijuana in Italia, di cui detiene il record per numero di sequestri

I narco Mori

I narco Mori

Per oltre vent’anni la criminalità sarda e la ‘ndrangheta hanno stretto solidi rapporti di affari, con l’obiettivo di trasformare l’isola in una centrale del commercio di droga nel Mediterraneo

CREDITI

Autori

Cecilia Anesi
Raffaele Angius

Editing

Giulio Rubino

In partnership con

Illustrazioni

Foto

Michele Amoruso
Giulio Rubino

Infografiche & Mappe

Lorenzo Bodrero